Delle varianti più o meno satiriche, ironiche, erotiche, artistiche o pop dell’omino Ikea e dei famosi/famigerati libretti di istruzioni (capolavori di design dell’informazione per alcuni, veri e propri incomprensibili incubi per altri) abbiamo già parlato più volte.

Ma in questo caso il “gioco” — letteralmente — si spinge ancora più in là e parte proprio dall’assenza del libretto di istruzioni.
In Höme Improvisåtion, un videogame super-indipendente semplicissimo nella grafica e nella giocabilità ma capace di mandarti assolutamente fuori di testa (ma col sorriso) nel giro di pochi minuti, lo scopo è appunto quello di assemblare mobili e complementi d’arredo ispirati a quelli del marchio svedese ma senza uno straccio di indicazioni.

home_improvisation_1

È tutta questione di incastro — e Höme Improvisåtion ironizza pure su quest’ossessione tutta scandinava: niente colla o viti, solo tasselli di legno — e di arredare una stanza, inizialmente vuota, con ciò che ti arriva, un pacco alla volta.

Il primo livello è semplicissimo (quanto ingannevole): un banale tavolino nero simile al modello Lack di Ikea, giusto quattro zampe e un pianale. Ma mentre inizi a prender mano con la visuale isometrica e i comandi, una volta completato il tavolino ecco il primo incubo: una lampada. Cosa va dove? Come infilo cosa? E a complicare tutto il fatto che una volta incastrati due pezzi poi non puoi più toglierli.

home_improvisation_2

Io al primo colpo non sono riuscito a superare il secondo livello ma c’è anche la possibilità di farsi “aiutare” da altri giocatori, cosa che sicuramente renderà ancora più complicato il compito ma che sicuramente scatenerà situazioni tanto pazze (o magari, per chi fa il designer, stimolanti tanto da farci uscir fuori una buona idea) da riderci sopra per una serata.

Sviluppato da una piccola squadra di programmatori in sole 48 ore durante una convention internazionale di creatori di videogame, Höme Improvisåtion si può scaricare gratis per mac e pc.

home_improvisation_3

home_improvisation_4

home_improvisation_5