SEGA Mega Drive/Genesis: Collected Works

Il panorama dell’editoria indipendente sta lentamente andando a coprire ogni nicchia — e ossessione — dello scibile umano. Là dove l’autoproduzione un tempo era appannaggio di enormi ego con un po’ di denaro da spendere in (solitamente) brutti libelli assemblati senza alcun progetto grafico alla base (trend che oggi continua, pure nella versione low- o no-cost degli ebook), oggi grazie al crowdfunding è possibile sfornare piccoli e curatissimi capolavori spesso, in quanto a qualità dell’oggetto-libro, spanne sopra ai gruppi editoriali tradizionali.

Tra gli ultimi e più interessanti progetti c’è quello di una minuscola casa editrice indipendente inglese specializzata nel mondo dei videogame, celebrati attraverso volumi di altissimo livello. La casa editrice si chiama Read-Only Memory e finora ha pubblicato un solo libro, di cui ho già parlato un paio di mesi fa, una retrospettiva sulla Sensible Software, la software house che negli anni ’80 creò il fenomeno Sensible Soccer.

(fonte: readonlymemory.vg)

Quel libro venne realizzato grazie al contributo di piccoli finanziatori sparsi in tutto il mondo, raccogliendo i fondi grazie alla rete. E proprio in questi giorni la Read-Only Memory sta replicando lo stesso modello per realizzare un secondo libro, stavolta dedicato alla mitica SEGA Mega Drive (che in America si chiamava Genesis), console che ha regalato splendidi pomeriggi di gioco a molti di quelli della mia generazione: per chi ce l’aveva si trattava di una sorta di nemesi oscura, almeno in quanto a estetica — nera, lucida, bombata — di quello scatolone che era il NES della Nintendo e che all’epoca dominava il mercato.

Dopo il relativo insuccesso del SEGA Master System (solo il cielo sa quanto lo volevo e quando lavorai ai fianchi i miei genitori che però furono inflessibili) la casa giapponese finalmente mise i bastoni tra le ruote all’eterna rivale Nintendo con una scintillante console a 16 bit presentata nell’88 in Giappone, nell’89 negli Stati Uniti e nel ’90 in Europa, e per la quale furono uscirono tutta una serie di giochi che fecero la storia del videogaming: Sonic, Golden Axe, Shinobi…

Oggi, passati 25 anni dalla prima SEGA Mega Drive, è arrivato il momento di celebrarne la storia e Read-Only Memory lo fa con un volume di 300 pagine pieno di storie, interviste inedite agli sviluppatori della console, progetti relativi al design dell’apparecchio e bozzetti grafici.
Il libro, intitolato SEGA Mega Drive/Genesis: Collected Works, è attualmente in fase di pre-produzione ma ha già raggiunto il budget necessario quindi presto sarà possibile acquistarne una copia.

(fonte: readonlymemory.vg)
(fonte: readonlymemory.vg)
(fonte: readonlymemory.vg)
(fonte: readonlymemory.vg)
co-fondatore e direttore

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altre storie
Petites Luxures: le storie intime e piccanti illustrate da Simon Frankart