fbpx

Save the date | New Generations Festival

new_generations_festival_1

1 esposizione, 2 serate Pecha Kucha e 3 workshop, più una serie di lezioni “diffuse” tra diversi spazi della città. Il New Generations Festival porta a Milano una rete di giovani studi d’architettura europei per regalare a un pubblico di appassionati e addetti ai lavori una visione a 360° gradi di quella che è la situazione del mestiere dell’architetto in tempo di crisi.

L’idea è partita da una serie di video-interviste alle quali hanno partecipato più di trenta studi creativi spagnoli, olandesi e italiani, che poi hanno iniziato a costruirsi attorno un network collaborativo su iniziativa di Gianpiero Venturini, architetto italiano di base a Madrid e fondatore—due anni fa—del progetto. In poco tempo Venturini è stato affiancato da una serie di “corrispondenti” dei vari paesi e ora la rete comprende più di 40 studi d’architettura, che hanno dato vita a un festival che fa della condivisione dei diversi punti di vista il suo valore aggiunto, soprattutto in un periodo storico in cui chi progetta spazi pubblici e privati si trova a dover combattere nuove sfide, a “scalare” le proprie aree di attività, a diventare maestri di flessibilità.

Oltre ai già citati laboratori, oltre a un’area espositiva in cui il pubblico potrà assistere a tutte le video-interviste realizzate, i veri punti di forza di New Generations Festival sono i momenti “frontali”, dalle due serate Pecha Kucha (il celebre format giapponese ormai diffuso in tutto il mondo in cui si hanno solo 6’40” per presentare il proprio lavoro attraverso 20 slide per 20” ciascuna) alle lezioni di venti minuti durante le quali i vari studi partecipanti—per ora solo italiani, spagnoli e olandesi ma le prossime edizioni si apriranno anche a Belgio, Svezia, Portogallo, Turchia, Romania e Grecia—si racconteranno e mostreranno i loro lavori.

Assoluta novità sono invece le shared lectures, lezioni condivise sviluppate a distanza da due studi diversi che non avevano mai lavorato insieme fino a quel momento: una vera e propria palestra collaborativa per realtà, spesso giovani, che sempre di più si troveranno a dover intrecciare i loro percorsi per riuscire a reinventare la professione dell’architetto in un mondo che corre veloce, e spesso dalla parte sbagliata.

QUANDO: 28 – 30 novembre 2013
DOVE: Milano | location varie (vedi programma) | facebook | twitter

Stecca 3.0, una delle location del festival | foto © Carlo Venegoni
Stecca 3.0, una delle location del festival | foto © Carlo Venegoni
La fabbrica del vapore, una delle location del festival | foto © Marco Lampugnani
La fabbrica del vapore, una delle location del festival | foto © Marco Lampugnani
Altre storie
This Is What Democracy Looked Like 1
Un libro dedicato alla grafica delle elezioni americane dall’800 ai primi del ‘900