fbpx

Save the date | Comodamente

comodamente 01

Al solito dramma del cosa faccio questo weekend? do una valida alternativa: il 6-7-8 settembre a Vittorio Veneto si terrà la settima edizione di Comodamente. Anche nei paesi piccoli succedono cose belle.
Quest’anno il festival cambia vestito e anche taglia, per rinnovare la propria formula abbandonerà i luoghi storici e si metterà in movimento trasformandosi in un processo collettivo. Sabato prenderà forma un corteo della durata di 24 ore, che attraverserà la città in lungo e in largo seguendo il percorso illuminato da manifesti fluorescenti.

Insieme alla lunga parata si svilupperanno numerosi progetti speciali e tutto quello che accadrà verrà ripreso per la realizzazione di un film, che vedrà come protagonisti ospiti, pubblico e volontari.
Nei negozi che costeggeranno la parata si troveranno piacevoli sorprese: negli ortofrutta, vicino a fragole e lamponi, si troveranno a suonare violini e arpe, e nel panificio scorgeremo bambini ricoperti di colori a pastello e acquerelli ad immortalare ogni attimo.
Per chi arriverà al festival in bici ci saranno dei regali speciali: colazioni e merende offerte dai torinesi di Bike Breakfast, che seguiranno di tappa in tappa il gigantesco elastico (giuro, c’è davvero), opera di Pierluigi Slis, che conterrà protagonisti e pubblico, che come un cuore pulsante animerà il percorso.

Ma le stranezze non sono finite, più leggero che mai il festival bandisce ogni allestimento, chiedendo al pubblico di portarsi la propria sedia da casa, e in questo salotto atipico si potranno seguire numerosi ospiti, a partire dall’ex ministro Fornero fino a Spinoza.
Se non volete vivere di rimorsi Vittorio Veneto è il luogo in cui dovreste e vorreste essere questo week end.

QUANDO: 6 – 7 – 8 settembre 2013
DOVE:  Vittorio Veneto | Mappa

contributor

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Lida Ziruffo  RESETtlement  ph Chiara Ernandes
Il tempo sospeso: da Librimmaginari una mostra collettiva di poster negli spazi urbani di Viterbo