Artisti sull’erba: è il PICNIC!

Prendete una domenica di giugno bella calda, prendete un parco a Reggio Emilia, prendete un manipolo di volontari e una ventina tra fumettisti e illustratori. Cosa ottenete?
Risposta: un festival unico nel suo genere ormai alla sua sesta edizione: il PICNIC!

Cristiana Valentini, mente e mano creativa di Delicatessen, con cui negli anni ho lavorato più volte, mi racconta che l’idea di un festival campestre, è nata in treno, con Andrea Ceccarelli, Corrado Rabitti (l’editore di Zoolibri) e Fiorenza Ballabeni, di ritorno dal Festival di Fumetto di Napoli.
Avevamo la volontà di unire mondi separati: fumetto e illustrazione, di far emergere giovani e giovanissimi, riconfermare qualche conosciuto, far emergere i gregari.

Ne è venuto fuori un festival indie aperto a tutti: al pubblico degli appassionati di fumetto e dei collezionisti, ma anche a chi per il fumetto ha solo un interesse occasionale, un festival per adolescenti e adulti, anziani e famiglie con bambini.
La prima edizione fu organizzata in un solo mese. Da allora sotto la tenda delle dediche sono passati un centinaio di autori, tra cui Giuseppe Camuncoli, Otto Gabos, Piero Ruggeri, Squaz, Gianluca Pagliarani, Alberto Pagliaro. Tra gli stranieri si sono alternati da Germania, Francia e Belgio: Daniela Kulot, Ninie, Klaas Verplancke e altri ancora.

Sei anni dopo la prima edizione mi trovo a occupare il ruolo di direttore artistico della manifestazione, che fino all’anno scorso è stato di Cristiana Valentini.
Ci tengo a dire subito che non ho guadagnato la mia posizione per merito, ma bensì per abbandono. Sono stato invitato a una riunione del direttivo come ospite. Cristiana era andata un attimo in bagno a incipriarsi il naso, io mi sono seduto per sbaglio al suo posto e poi le cose sono precipitate rapidamente. Ho provato a ritirarmi, ma pare che il regolamento dell’associazione preveda che chi si siede sulla poltrona di Cristiana debba fare il direttore artistico per almeno un anno.
Sono abbastanza convinto che Cristiana Valentini mi abbia teso una trappola e non sia affatto andata in bagno ad incipriarsi il naso, ma visto che ormai ci sono, tanto vale che vi racconti cosa stiamo facendo con le ragazze del nuovo direttivo, Erika Rondoni e Simona Borrillo, per scegliere gli invitati.

Innanzi tutto non potevano mancare i fumettisti Marvel che quest’anno sono: Mario Alberti e Matteo Buffagni. Seguono nella formazione di questa edizione: Francesca Ghermandi, Andrea Valente (quello di Pecora Nera) e Maurizio Ercole.
Tra i fumettisti giovani possiamo contare invece Matteo Berton, Davide Aurilia e Nicolò Pellizzon.

Tra gli illustratori invece hanno confermato la loro presenza: Monica Barengo, Isa Bancewicz, Morena Forza, Francesca Dafne Vignaga, Alessandra de Cristofaro, Arianna Floris, Ilaria Falorsi, mentre per lo spazio bambini si conferma un’ormai veterana del Picnic!: Maddalena Gerli.
Mancano ancora alcune adesioni ma possiamo già confermare la presenza dell’illustratrice giapponese Satoe Tone, vincitrice 2013 del Premio Internazionale d’Illustrazione della Fiera Internazionale del libro per Ragazzi di Bologna.

Oltre agli autori sarà presente, come di consueto, lo stand Fuorifoglio con 6 artisti handmade e i loro manufatti. Domenica 23 ci sarà anche il vincitore del CONCORSO SKETCHBOOK che, taccuino alla mano, sarà il cronista del Picnic! Festival l’intera giornata.
Ce n’è abbastanza? Allora ci vediamo tra un mese, domenica 23 giugno, Parco delle Caprette, Reggio Emilia al PICNIC! (Mappa).

PICNIC! è un’associazione Arci. Il Presidente è Francesca Mussini. Fanno parte del consiglio direttivo: Erika Rondoni, Simona Borrillo, Fiorenza Ballabeni (sezione Fuorifoglio) e Corrado Rabitti. La filosofia del Picnic! – Festival campestre di illustrazione e fumetto – è la condivisione: la parola e lo scambio sono la base vitale delle iniziative dell’associazione.
Le foto di questo articolo sono di Fabrizio Cicconi

editorialista

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Le Metamorfosi di Laura Manaresi e Giovanni Manna