Swatch & TTR: Art Rules #2

Orbene, dopo il primo giorno a L.A. e un po’ di assestamento con gli orari e i locals, è arrivato il grande momento. Come già vi avevo anticipato in precedenza, l’11 maggio scorso, l’Art Rules competition ha avuto il suo epilogo con la premiazione della proposta vincitrice da parte di Swatch e TTR.

L’appuntamento è in uno spazio fantastico, adibito a temporary shop e galleria; il Royal T a Culver City. Durante questa settimana, il locale era dedicato all’ Art of Cooking: potete già aver capito la mia gioia quando all’arrivo ho trovato ananas, banana e pesca realizzati dai Confetti System (di cui avevamo parlato in passato).

Un buffet in piena regola e palco allestito. Marta, Elise e Bettina hanno fatto il loro ingresso trionfale più tardi; io nel frattempo me la sono goduta insieme agli altri invitati – l’adorabile Julia e il caro Romain che avevo conosciuto a Venezia – ingannando il tempo facendo vip watching. Pare, infatti, che ci siano passati accanto una serie di celebrities di un certo tipo, ma ammetto di essere totalmente fuori dal giro.

Ma torniamo a noi, ad accoglierci Dj Skee, giusto per scaldare l’atmosfera prima della premiazione; e poi via alla cerimonia vera e propria. Piccolo rullo di tamburi fino a che non è stata decretata la vincitrice: Marta con il suo Scream of Victory!

La festa, non è finita così. Con grande sorpresa, è arrivato nienteopopodimenoche… Warren G! Insomma, delirio della folla e mille complimenti alle nominate e alla vincitrice. Ecco alcune immagini ufficiali della serata…

… e qualcuna meno ufficiale…

Inutile dirvi che partecipare è stato davvero super! Come già preannunciato, la vincitrice vedrà realizzato il suo orologio – Scream of Victory – e potrà godersi un bel viaggio a NYC per due persone; not bad!

E ancora meglio è stato poter approfittare di tutto sabato e domenica mattina per visitare Downtown e Santa Monica insieme a Marta, Elise e Bettina, di cui vi lascio altre immagini.

Altre storie
Giant Steps di John Coltrane “ascoltata” con gli occhi di un sinestesico