Tested | Dolce&Gabbana Make Up SS2012

Vige tra uffici stampa e brand, soprattutto italici, la del tutto errata convinzione che ai blogger – tanto so’ fashion – si possa regalare di tutto e così vai di: bottiglietta di nota bevanda per aperitivo in generoso formato da 10 cl, tazzine da caffè spaiate e senza caffè, tre fili intrecciati di cotone – che pure la mia nipotina Sveva ci riesce – con qualche pendaglietto metallico al posto del promesso bracciale e potrei andare avanti per pagine intere senza mai cadere nell’ovvio…

Prendete i generosissimi di Dolce&Gabbana Make Up, mi hanno letteralmente riempita di trucchi di ottima qualità (tra qualche riga ve li descrivo nel dettaglio), ma in colori talmente improbabili che manco da bambina quando mi truccavo con gli Uniposca!
E dire che per la Collezione Prêt-à-porter SS2012 la premiata ditta Dolce&Gabbana è ritornata all’iconografia del loro prestigioso passato: alla bellissima Monica Bellucci, al mambo, al pizzo, ai bei tubini neri da vedova un po’ allegra (vista la profondità delle scollature), a quell’Italia del sud degli anni ’50 che tanto mi piaceva nelle loro prime collezioni.

Torniamo ai prodotti, avevo avuto ottime referenze per la qualità dei cosmetici e devo dire che da questo punto di vista le attese non sono state deluse.

The eyeliner – Matita per gli occhi

La qualità di queste matite è assolutamente ottima, la formulazione ricca e morbida rende facile la stesura sia se si sceglie di tracciare una linea netta e sottile sull’occhio, sia se di opta per uno sguardo più languido ed intrigante sfumandola.
La make up artist Pat McGrath dice: “Bastano una matita e un cotton fioc per trasformare la forma degli occhi. Per un’applicazione simmetrica iniziare con dei trattini sull’angolo esterno dell’occhio e proseguire verso l’interno. La matita va applicata a piccoli passaggi vicino alle ciglia e poi stesa con un cotton fioc.” In questo caso, aggiungo io, il cotton fioc non serve neanche, l’applicatore è comodissimo.
Unico neo? Io le ho ricevute nelle stravaganti nuance di: giallo (Lemon), azzurro (Acqua), viola (Lilac), verdino pallido pastello (Mint), rosa pallido dorato (Shimmer). E mi dite voi dove vado io, a 37 anni, con l’occhio truccato di giallo?

The eyeshadow , palette di 4 ombretti

Trattasi di una palette di ombretti di quattro colori (c’è anche la versione a due colori) dalla texture morbida e setosa, facile da stendere sulla palpebra anche per chi -come la sottoscritta- non è proprio la migliore delle make up artist in circolazione.
Unico neo? Io ho ricevuto la non facilissima palette Bouquet: verde chiaro, azzurro, viola e rosa pallido. Ora a parte il rosa, che dovrei fare con il viola, l’azzurro e il verde?

The lipgloss

Un gloss dalla consistenza liquida ed ultra brillante, che dona luce e volume alle labbra grazie ad un pennello professionale che ne assicura una perfetta applicazione. Sulle labbra l’effetto è pastoso e durevole, leggermente iridescente e perlescente. L’odore (per me molto importante in un lipgloss) è piacevole.
Unico neo? Ho ricevuto colori tenui e delicati: Acqua, Innocence, Raspberry, Shimmer, BonBon. A parte il trasparente, sono tutti un po’ troppo chiari per i colori del mio viso!

The nail lacquer

Si stende bene anche se il pennellino è molto tradizionale e asciuga facilmente diventando leggermente più opaco rispetto a quello che pare nella boccetta. Non posso dire molto circa la durata perché io non tengo mai uno smalto per più di due giorni, ma posso assicurare che almeno per i primi due giorni lo smalto ha tenuto molto bene.
Unico neo? Io ho ricevuto: giallo (Lemon), verde chiaro (Mint), grigio (Anise), lilla (Lilac).

Conclusione? Dopo varie prove e riprove, molto sodisfatta per la qualità dei prodotti, ma frustrata per la totale inadeguatezza dei colori alla mia carnagione ed alla mie età, ho provveduto a rendere felici amiche e cugine…

co-fondatrice e caporedattrice
  1. Io sono una delle fortunate che si è presa smalti, matite, lipgloss e la palette.
    A me i colori piacciono da impazzire e pure l'effetto… sono un po' vecchia forse, ma m'importa poco!
    (Unica neo i lipgloss un po' troppo chiari pure per la mia carnagione).
    ^___^

  2. Sono bellissimi!
    Anche se non mi trucco molto se me li ritrovassi a casa andrei in giro vantandomi di sembrare la sorella di Arlecchino :)

  3. Non è che tu abbia ricevuto colori "sfigati"…E' la collezione spring2012 che è composta da questi colori! E' proprio vero che chi ha i denti non ha il pane….:-( Con quegli ombretti si puo' fare uno smoky eyes fantastico anche su carnagioni scure, certo vanno ben dosati e non stesi a spatola; le matite dei colori più chiari si usano solo nell'angolo dell'occhio come illuminanti, non certo per sottolineare tutto l'occhio stile Arlecchino… . Certo è soggettivo, de gustibus ecc…., però gli strumenti bisogna anche saperli usare correttamente

    1. che è così composta la collezione make up SS 2012 di Dolce e Gabbana lo avevo per così dire intuito anche io ;)

      e sebbene io scriva per pararmi che non sono la migliore make up artist del mondo ti assicuro, ho fatto corsi personalizzati di trucco da quando avevo 16 anni e non me la cavo così male…
      il punto quello vero è un altro e lo hai riassunto bene tu : de gustibus.
      a me questi colori non piacciono tutto qui :)

  4. :-) Io sono una fan dei noiosissimi colori naturali: bronzo, color carne, marrone…ogni tanto se la carnagione è un po' meno color muro mi butto su un vago dorato. In sostanza anche io non amo i colori sgargianti. Sai quando da ragazzetta ti regalavano i cofanetti pieni di ombretti super colorati? Ecco credo di non essere mai riuscita a finire un solo set. Invidio molto le ragazze in grado di passare con grande disinvoltura da un colore all'altro…io proprio non mi ci vedo. Gli smalti? Cosa sono gli smalti? Che disastro di donna sono! Un'osservazione sulle confezioni: molto belle, almeno a mio gusto. :-) Ad ogni modo credo che, in un cosmetico, la qualità sia la cosa essenziale, soprattutto se, come presumo, si parli di prodotti di fascia alta. Anche perchè non sempre questo corrisponde con l'affidabilità. Quindi direi, buono a sapersi! Da consigliare alle mie amiche meno noiose di me. :-) Grazie mille!

    1. La qualità è ottima, specie le matite per gli occhi, sono fantastiche e per dovere di cronaca va detto che ci sono colori bellissimi. Questi sono solo quelli della collezione SS 2012…

      1. Confermo quello che dice Francesca: le matite sono ottime come pure la palette. Sono perfette per un tocco di luce e per mettere un po' di colore (vivace) sugli occhi… le sto usando parecchio in questi giorni!

        P.S: @Giulia: anch'io ho sempre prediletto colori caldi e neutri ma ho voluto lanciarmi e provare colori nuovi… sono una bella scoperta.

  5. anche io trovo che Dolce&Gabbana siano finalmente tornati al loro stile delle quasi origini (moda). Per quanto riguarda i trucchi posso parlare solo degli smalti che in generale provo e adoro. Non ho provato questi ancora, ma ho visto le immagini. Trovo che sperimentare colori nuovi sia interessante, anche perché se li proponi ora, vista la concorrenza e il trend-mania smalti colorati, lo devi quasi per forza fare (solo Tom Ford riesce ad andare controcorrente con una collezione classica bellissima – e carissima). Quello per cui non mi convincono è la palette. Voglio dire il giallo, il verde acqua andavano l'anno passato, due anni fa, e non per parlare da fashion victim, ma se azzardi sul colore devi giocare di anticipo. Il giallo ti può divertire una stagione, poi basta. Chanel, YSL, Illamasqua, Butter, Mac, Rococo, hanno proposto colori candy, arancio, oro. A chi piace, va su queste nuove sfumature. Sull'età non sono d'accordo, non ci sono più mezze stagioni, quindi viva le granny con le unghie pastelllo :)

  6. sono capitata per caso sul sito e sui blog dedicati alla moda …. dopo aver letto decine d post su come fare a uscire dal sistema, per crearne uno nuovo con presupposti umani , tutte parole , concetti e tentativi che mi sento di sostenere a spada tratta perchè avete ragione, poi arrivo qua e vi trovo tutte in brodo di giuggiole per le palette e la texture dei cosmetici di "dolce and gabbana" e la sig.ra Francesca anche risentita perchè non riesce ad utilizzare i prodotti che ha ricevuto in regalo ( i colori non si adattano al suo incarnato) ,….lamentandosi pure di ricevere (gratissssssssssss) prodotti e bigiotteria che a parer suo sono bruttini bruttini, dando pure dell'avaro a chi glieli manda…ma cavolo mica te li devi mettere, devi criticarli, valutarli e sarà il lettore a decidere, o no? C'è qualcosa che non ho capito? Che mi è sfuggito? Che non avete scritto? Vorreste essere i fondatori di un nuovo ordine imprenditoriale? Bene tutti d'accordo cominciate con il parlare di quelli come voi , smettetela di spendere soldi a favore dei soliti noti, smettetela di dedicare loro spazi e parole.

    1. La risposta unica, stringata sta nel tuo incipit: sei capitata per caso.
      Hai letto i commenti sacrosanti dei lettori ad un post, forse due ( a occhio e croce direi questo https://www.frizzifrizzi.it/2012/07/23/la-strategi… e questo https://www.frizzifrizzi.it/2012/07/19/5-motivi-pe… ) e poi sei passata al mio sui cosmetici di Dolce&Gabbana senza coglierne minimamente il tono…
      Per fortuna, le PR di Dolce&Gabbana, hanno letto e capito e mi hanno appena mandato ottimi fondotinta e eyeliner da testare – a breve il post ;)
      La ricerca costante e l'appoggio ai giovani esordienti su queste pagine trova da sempre ampissimo spazio, nessuno qui però ha deciso di "cambiare il sistema" demolendolo…

      1. P.s. per favore non darmi della Sig.ra!!!
        Scrivi piuttosto Sig.na attempata, zitella, quello che ti pare, ma SIGNORA no, perché io come Loredana : "Non sono una signora una con tutte stelle nella vita. Non sono una signora ma una per cui la guerra non è mai finita "
        :)

        1. Sono troppo nel pallone (aerostatico, per vedere distaccatamente un'altra me che si agita per il 6, ma per tornare a terra getterò la mia zavorra di canederli) per unirmi al coro, ma mi sintonizzo con te. Baci

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Tesori d’archivio: le illustrazioni di moda di fine ‘800 / inizio ‘900