Workshop | Glocal Handmade @ Sora

Design è una di quelle parole usate spesso e volentieri a sproposito (come non odiare un “mobile di design” o un “interno di design”: che significa, poi?) e, a meno che non gli metti davanti o dietro una parolina che specifichi senza ombra di dubbio di cosa si stia parlando, accende immaginari fatti di superfici immacolate, splendore innaturale, complesse linee di produzione in ambienti sterili più simili a laboratori tipo csi che alla bottega di un artigiano.

Proprio la figura dell’artigiano, raro come una tigre albina ma acclamato come un’entità antica e superiore capace di risolvere i problemi di un mondo fatto con lo stampo, è al centro di un interessante workshop – Glocal Handmade – che cerca di riportare il termine design là dove dovrebbe stare di diritto: nei laboratori e nelle botteghe.
Il nuovo/vecchio (ma sarebbe meglio dire rispolverato) rapporto tra l’artigiano ed il mercato, i materiali, le tecniche, il territorio. Questi i temi della quattro giorni di Glocal Handmade, dove tra insegnanti e tutor c’è davvero il meglio delle giovani realtà indipendenti del design made in Italy.

Il workshop è dedicato a studenti, architetti, ingegneri, designers e creativi in genere (ma c’è spazio pure per i famigerati foodies, con una speciale sezione sul food design).
Per informazioni, programma ed iscrizioni puoi visitare il blog.

L’artigianato è quasi sempre sinonimo di prodotti di qualità superiore, con un’attenzione ai dettagli che riflette l’accorta precisione dell’artigiano stesso.
L’idea del workshop si fonda sul riconoscimento di valide tradizioni locali nel campo dell’artigianato, in particolare dell’artigianato artistico, che si vogliono non solo salvaguardare, ma anche sostenere e mantenere vive. La finalità è la ricerca di prodotti nuovi, basati su materiali e antiche tecniche di produzione artigianali, che possano affrontare le sfide dell’attuale mercato globale.
Oggi accanto alle antiche realtà artigiane fioriscono laboratori di giovani creativi che, reinterpretando le tecniche artigianali con uno spirito contemporaneo, propongono oggetti e complementi, tessuti ed accessori unici ed originali. Tra i confini labili di arte, moda e design è facile trovare pezzi unici da acquistare o regalare, così come oggetti prodotti in piccola serie che rappresentano il vero hand-made in Italy.
L’esclusività di queste creazioni nasce da percorsi personali di ricerca e sperimentazione, oltre che da una reinterpretazione dell’artigianato italiano di qualità unito all’uso di materiali e lavorazioni differenti della tradizione italiana. D’obbligo la rilettura con occhi contemporanei che non dimentica i canoni estetici e il contenuto culturale che da sempre contraddistinguono il prodotto italiano.
Cerchiamo quindi creativi in grado di ricercare spunti nelle tradizioni, nelle invenzioni, nei materiali o nei prodotti artigianali della propria regione, della propria città o del paese stesso. Designer che sappiano portare a compimento un processo progettuale che non si concluda nello studio di una forma ma, partendo dall’individuazione di un valore italiano, lo sappia esprimere in forme, abbinamenti, superfici e/o commistioni di materiali, tecniche e stili.

QUANDO: 16 – 19 giugno 2011
DOVE: Auditorium Polivalente | p.zza Mayer Ross, Sora (Fr) | mappa

co-fondatore e direttore
Mostra Commenti (1)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.