fbpx
fab fork 7

Arrivano i (le) FabFork

fab fork 7

Nata dalla collaborazione tra Giovanni Scafuro e la ML Engraving, la FabFork è l’esempio perfetto di cosa si possa realizzare unendo creatività e manualità e nuove tecnologie.

Di Scafuro abbiamo già avuto l’occasione di parlare quando eravamo appena agli inizi della nostra avventura con Frizzifrizzi e devo dire che visitare di nuovo il suo sito, dopo tanto tempo, è stata una vera sorpresa, viste le splendide idee che il designer napoletano è riuscito nel frattempo a partorire: parafrasando Archimede, dategli una forchetta e Scafuro renderà più bello il mondo.

La ML Engraving invece è la parte “tecnologica” del progetto, con le sue tecniche all’avanguarda per l’incisione del metallo. Sull’argomento non sono certamente ferrato (scusate il metallico gioco di parole) ma vedere, anzi scoprire, cosa si può fare con il laser mi ha davvero incuriosito.

fab fork 6

Per i profani come il sottoscritto spiego subito di cosa si tratta: di solito, fino ad oggi, per realizzare stampi o incidere direttamente il metallo si usava l’incisione chimica, con relative emissioni inquinanti e lunghi tempi di produzione.
Con il laser, invece, attraverso un procedimento brevettato, si possono realizzare textures praticamente infinite, partendo dal rendering di un oggetto o un tessuto (pelle, roccia ecc…) o da bozze fatte a mano, come nel caso di Scafuro.

fab fork 3

Il risultato è FabFork, un’opera dismostrativa – che abbiamo avuto la fortuna di ricevere qualche giorno fa – delle potenzialità di queste tecnologie.
Si tratta di una forchetta, progettata da Giovanni Scafuro, con speciali textures su manico e rebbi che migliorano la presa e l’aggancio del cibo. I due rebbi centrali, inoltre hanno scanalature fatte in modo tale da permettere all’olio (e qui mi vengono in mente piattoni di pasta in tutte le salse, con relativa acquolina in bocca) di scivolare via.

Provata, e approvata.

fab fork 4

fab fork 5

fab fork 2

fab fork 1

co-fondatore e direttore
  1. @ bianchi: In effetti non è esattamente una forchetta da pasto.. è il primo passo per conquistare il mondo (degli stampi e degli oggetti finiti) !!

    Se potessi toccarla potresti sentire la resa della pelle sul manico…non sembra più metallo…

    Come dice Scafuro: In forkets we trust!!

  2. Fantastico connubbio di creatività e tecnologia.

    L'incontro tra Scafuro e la ML Engraving è la dimostrazione di come oggi la tecnologia laser applicata all'incisione di stampi permette ai designer industriali più creativi di esprimersi al meglio.

  3. Hai ragione Andrej! è proprio questo l'obiettivo: mostrare che due mondi così distanti possono in realtà avere molto in comune e dar vita a piccole opere d'arte e di design!

  4. Estremamente bella, e la superficie irregolare crea micro-sacche d'aria tra l'acciaio e la mano, riducendo la sensazione di "freddezza" tipica del metallo.

    Ma ho un dubbio per quanto riguarda la produzione: è vero che attualmente l'incisione avviene principalmente a mezzo chimico ( e quindi rilasciando composti inquinanti) mentre il laser rilascia solo minime quantità di CO2 e derivati della fusione, ma qual'è la richiesta energetica per incidere una forchetta?

  5. Ciao Marcogiallo, non riesco a vedere l'ultima parte del tuo commento per cui spero di risponderti cmq. La Fotoincisione Laser è una tecnologia innovativa che supera i limiti della f. chimica. In particolare il laser NON usa acidi chimici e NON è un procedimento manuale. Al contrario è interamente digitale e sfrutta macchine CNC a 5 assi. La cosa imprtante inoltre è che il laser realizza incisioni 3D su superfici 3D, una assoluta novità!

  6. Ciao! abbiamo verificato la spesa energetica per darvi un paramentro comprensibile. La richiesta energetica per la Fork è pari a quella di un normale bucato in lavatrice!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
tommaso monaldi settenove scellino 1
Il nuovo progetto grafico della collana “Lo scellino” di Settenove: intervista a Tommaso Monaldi