Passare ore davanti a cose belle e gratis? La nostra rubrica Tesori d'archivio è la soluzione.

Che ci sarà mai in Alaska?

Per rispondere alla carveriana domanda del titolo direi… niente da fotografare, almeno stando ai dati raccolti da Eric Fisher per il suo progetto Locals and Tourists dove grazie ai dati pubblici di Flickr e Picasa e alle foto geotaggate dagli utenti, ricostruisce le mappe delle varie città del mondo per capire quali zone sono le più fotografate e se dagli indigeni (in blu) o dai turisti (in rosso).

E se Venezia praticamente vive soltanto negli obiettivi dei turisti, e poco dietro vengono Roma e Firenze, a Milano e Torino si danno da fare anche quelli del posto.
Notare poi le zone. I turisti sono tutti lì, belli raggruppati nei centri storici, ma per questo non serve una mappa: basta intrufolarsi tra i forestieri, alzare la macchina fotografica al cielo e scattare. Tempo qualche secondo allungheranno il collo per vedere cosa si stanno perdendo e, nel dubbio, una foto la scattano lo stesso.

Nell’immagine in alto Venezia.
Dopo il salto Roma, Firenze, Milano e Torino.


Roma


Firenze


Milano


Torino

Altre storie
I colori di Parigi nelle vetrine delle mesticherie degli anni ’50