L’ode alla geometria di Dotoverdot

Cosa ottenete mettendo insieme entropia, capacità di adattamento, volubilità costruttiva e le città viste dall’alto? E se aggiungete una buona dose di passione per la geometria, la tipografia e le mappe topografiche? Se pensate che stia descrivendo le caratteristiche di un serial killer, vi sbagliate (o almeno spero). Sono semplicemente i punti di partenza da cui nascono gli accessori firmati Dotoverdot.

Nessuna notizia della designer che c’è dietro, le uniche tracce che lascia di sé sono le collane. Costruite in modo maniacalmente simmetrico e arricchite con varie forme geometriche. Minimaliste e quasi monocolore con un grande uso di ottone spazzolato a mano. Bellissime. E disponibili nel (quasi) neonato negozio Etsy.

Altre storie
Il nuovo numero — il nono — di LogoArchive