Fuck me and marry me young!

Fuck me and marry me young!

Pubblichiamo un bellissimo “self-reportage” che ci ha mandato una nostra lettrice, giovane neo-sposa, con tantissime dritte per realizzare un matrimonio assolutamente anticonvenzionale.

FUCK ME AND MARRY ME YOUNG!

Quando sorpassi i 25 cominci a sentirti ogni giorno che passa un po’ più vicino ai trenta e più lontano dai vent’anni, mentre le tue giornate continuano ad essere in bilico fra solitudine e ubriacature di mondanità e alcool da regressione adolescenziale.
Poi un giorno incontri una persona, quella giusta. E tutto cambia.
Vai a convivere e cominci a parlare di matrimonio e bambini, un po’ per gioco e un po’ per pazzia, un pò perché cominci a crederci sul serio.
Ed è così che alle ore 7,30 del mattino di S.Lucia (N.d.R. in alcune zone d’Italia la Santa Cieca che porta regali ai bambini bravi) mi trovo davanti un anello.

Fuck me and marry me young!

L’ANELLO

Ideato dal mio fidanzato/ora marito: oro bianco con dignitoso brillante, a forma di fascetta stringitubo.
Sì! (e che  donna fortunata).
Ed ecco la giovane sposa virtuosa, in mezzo ad un coro d’alleluia e congratulazioni, incredulità e visioni apocalittiche post-matrimonio.

Ma ora hai cose più importanti da fare. Organizzare Tutto.
La regola è: non farsi influenzare. Scavalca parenti, suoceri e genitori, con tatto.
Anche perché da ex sessantottini si trasformeranno sicuramente in borghesi bigotti reazionari, solo per l’occasione.

SITI WEB

Poi le fiere degli sposi: fiere del kitsch. Non andateci, sono inutili. Meglio piuttosto una bella ricerchina su internet sui siti americani tipo Favor Favor, Brides.com, Wedding Channel.
E i miei preferiti, perché volevamo un matrimonio un po’ r’n’r anni ‘50: Offbeat Bride e Tattooed Bride.
Il problema principale è che spesso i siti non spediscono fuori degli U.S.A.
Ma con un po’ di fatica, potrete cercare voi gli elementi in Italia e metterli insieme da soli.

Fuck me and marry me young!

LA BOMBONIERA

Costo: circa un 1,50 € l’una, confetti compresi.
Il logo delle due lettere con le rondinelle l’ho disegnato io ed è il motivo grafico ricorrente in tutto il matrimonio.

Un altro problema sono le partecipazioni: non fatevi nemmeno mostrare i cataloghi, se non per vedere le aberrazioni del gusto umano. Andate da un tipografo con il vostro cd già pronto, o stampatele voi. Tanto saranno buttate via: meglio una buona grafica e un’idea originale che dei materiali costosi.

Fuck me and marry me young!

LA LOCATION

Ho una brutta notizia da darvi: non siete gli unici a sposarsi, anche se sembrerebbe di sì.
Tempo minimo di prenotazione: 6 mesi. E se siete fortunati troverete ancora posto. Noi l’abbiamo trovato in una bellissima cascina in campagna, ristrutturata in maniera poco invasiva, senza laghetti con cigni e statue simil-neoclassiche.
Ci siamo invece concessi la piscina, così abbiamo potuto suddividere il pranzo con i parenti dalla festa con gli amici.

Fuck me and marry me young!

Poi la scelta del matrimonio: per noi civile, ovviamente. Altrimenti vi toccherà iscrivervi a quegli anacronistici corsi prematrimoniali.
Come location per la cerimonia, invece che stiparci in una sala comunale, abbiamo optato per il giardino del paesello vicino alla cascina: prendete un arco di fiori all’americana, qualche sedia, una mancia per il sindaco, e vi troverete in uno scenario suggestivo senza aver bisogno di trionfi di fiori.
Accordatevi prima per ogni dettaglio: il nostro è arrivato in ritardo e senza i documenti stampati… ma forse sarete  più fortunati e vi troverete davanti una persona meno idiota.

Fuck me and marry me young!

L’ ABITO

Ed ora, ragazze cresciute a Barbie Luce di Stelle, il vostro sogno di bambine: l’Abito.
Io lo volevo bianco e anni ‘50, con sottogonna vaporoso al ginocchio.
Naturalmente ho dovuto farlo confezionare… è stata una lotta, ma n’è valsa la pena. Non andate negli atelier: meglio una vecchia sartina in pensione. Pretendete che vi organizzino un sacco di prove e un preventivo modello in tela.

Oppure girate per i negozi più costosi che conoscete e godetevi l’Abito Che Non Avreste Mai Potuto Permettervi.
Che sia colorato, corto o lungo io suggerisco: che sia adatto alla vostra figura e vi faccia stare bene. Calcolate qualche chilo in meno: è lo stress… e una benedizione, ovviamente.

Fuck me and marry me young!

Per gli uomini: un’idea che adoro è la maglietta finto tuxedo.Questa è disegnata da me, ma potete facilmente trovarne di simili su internet.

Se invece volete qualcosa di classico, sceglietevi un completo superslim e fate quello che volete.Un consiglio: niente orridi tight, che abbassano e sono noiosi.
Noi (sindrome da ipercontrollo) abbiamo scelto uno smoking nero di Just Cavalli in saldo, incredibilmente di buon gusto rispetto allo standard del marchio. Naturalmente lo smoking sarebbe solo da sera, ma non importa.

Fuck me and marry me young!

I DETTAGLI

Per l’acconciatura, il mio consiglio è affidarsi alle cure della parrucchiera di vostra nonna. Vi troverete in mani esperte, da guidare secondo i vostri desideri, e con un netto risparmio di nervi e denaro. Inoltre ho scelto un’acconciatura vintage con veletta, acquistata per 15 € da un espositore alla mostra vintage che ho organizzato, Vintage Vanitas.
E scarpe con tacco altissimo rese sopportabili dal plateaux.
E la pochette di Prada P/E 2008 bianca in tessuto vela con fiocco, regalatami dalla mia testimone (grazie!).

Fuck me and marry me young!

Per la festa in piscina, per me costume su misura, per lui costume di H&M personalizzato da mia madre.
Stupendi costumi di gusto vintage si possono anche ordinare online da Esther Williams.

Per i trucchi, bastano dei buoni prodotti e una base leggera e antilucido (consiglio Matt Touch Foundation di YSL e Airflash Spray Foundation di Dior).
Io adoro il trucco da pin up, quindi ho scelto labbra e unghie rosse, occhi con abbondante eyeliner e niente abbronzatura (quindi niente sole e protezione totale ogni giorno).

Fuck me and marry me young!

BOUQUET E DECORAZIONI

Il bouquet era sferico, come una piccola borsetta da portare a mano, con garofani bianchi.

Fuck me and marry me young!

Per decorare la location del pranzo, solo ortensie bianche e tulle.
Come segnaposto abbiamo usato dei ventagli bianchi con un bigliettino con il nome degli invitati.

Fuck me and marry me young!

Per la festa in piscina, solo palloncini personalizzati che sono anche stati liberati alla fine della cerimonia.
E gonfiabili bianchi!

L’ambiente è risultato fresco, naturale e romantico.
In questo mi ha aiutato trovare un responsabile del catering giovane, disponibile e non presuntuoso.

Fuck me and marry me young!

IL MENU

L’ho ideato io, in modo che fosse leggero e originale negli accostamenti.
Il risotto alla menta era buonissimo!

Fuck me and marry me young!

La torta, idem.

Fuck me and marry me young!

LE FEDI

Sono state una piccola tragedia perché le volevo piatte in oro bianco, come queste di Cartier (dal prezzo esagerato, ovviamente).
Siamo stati soccorsi dal padre orafo di una mia amica, che le ha fatte esattamente come volevamo, in una settimana. Quella dopo ci saremmo sposati.

E questa è stata l’ultima fatica, senza considerare quella vera, il Fatidico Giorno.
Che passa in un attimo, troppo veloce, e quasi non te lo godi con tutto quello stress accumulato.
Sì perché quando si cerca la perfezione, il rischio è poi che si perda di vista lo scopo di tutto questo: il matrimonio stesso. Come Carrie insegna.
Pertanto, fashion-addict,  ribelli o tradizionaliste convinte: nervi saldi, e tanta leggerezza.

Elisa
27 anni, di Cremona. Ex-stilista, organizzatrice di eventi, moglie orgogliosa, casalinga in attesa di qualcosa.

  1. Bravissima complimenti! Tutto perfetto, impeccabile come la bellezza e la determinazione della sposa dl resto! Ma lo sposo? Hai deciso tutto tu? A parte l’anello di fidanzamento a quanto pare! “… volevo.. mi piace … ho fatto”

  2. Che meraviglia: originale, fresco, con quella creatività tutta personale che secondo me dovrebbe caratterizzare qualsiasi matrimonio!
    Auguri agli sposi e…complimenti!

  3. Già solo l’inizio del post mi aveva catturato. Quell’essere 26enne e sentirmi troppo vecchia per sentirmi ventenne e troppo giovane per sentirmi trentenne.. sono contenta che per lo meno sia un sentimento diffuso tra le mie coetanee!
    In ogni caso, le idee per il matrimonio sono davvero originali, credo che ruberò qualche consiglio per aiutare mio fratello ce sta organizzando il suo (io sono ancora troppo giovane :P!)

  4. nel prossimo-futuro sarò wedding planner, diciamo che è cosa di un paio di mesi…
    un vecchio sogno nel cassetto che sembra si stia realizzando!
    Quindi lo dico con cognizione di causa:
    davvero compliemti, soprattutto per esser riuscita a fare tutto da sola e con tanta grinta e originalità.

  5. oddio e io che ho trent’anni allora dovrei spararmi!!! Complimenti comunque per aver dimostrato che il buon gusto esula dalle spese macro.
    p.s. se dovessi decidermi posso rivolgermi a te per la creazione di un logo come quello che hai ideato per il tuo marriage??

  6. per lo stile anticonvenzionale del racconto mi ricorda wedding for dummies, il blog che un’amica aprì l’anno scorso per raccontare come organizzare un matrimonio in meno di un mese senza stress e bomboniere imbarazzanti per gli invitati.
    E’ un vero peccato che l’abbia lasciato a se stesso da lì a poco per occuparsi della gnometta nata di lì a poco..

  7. Complimenti davvero! hai avuto delle grandi idee… lavorando nel settore posso dire che i matrimoni sono quasi sempre uguali e scontati… magari ce ne fossero di persone “avanti” come voi!!!!
    Congratulazioni ancora!

  8. Grazie a tutti per i commenti..
    E sì, se leggete bene si capisce che soffro di sindrome di ipercontrollo, anche in coppia. :)
    Ma tutto è stato approvato dal consorte.
    Dato che ora sono “in cerca di un lavoro soddisfacente”, potrei davvero pensare di fare la wedding planner…..;-)
    Ma le spose sono troppo stressanti!!!!
    Contattatemi pure, cmq, per consigli o delucidazioni.
    Grazie frizzifrizzi.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altre storie
Il Segno della tua voce in un gioiello