fbpx

Death Pits: di quando a scuola disegnavamo torture cinesi

Death Pits

Se siete maschi etero probabilmente avrete passato quella fase della pre-adolescenza durante la quale riempivate quaderni, diari ed angoli bianchi dei libri di testo, con immagini sanguinolente di gente fatta a fette, teste decapitate, incredibili trabocchetti (post-Goonies o Indiana Jones) pieni di lame pronte ad infilzare qualcuno.

La casa editrice TV Books ha raccolto i progetti di morte che due ex-ragazzini canadesi particolarmente talentuosi in questo campo hanno prodotto durante i loro anni scolastici e conservato fino ad oggi.
Il libro si chiama Death Pits e di sicuro sarà un best seller tra i neopapà, che terranno gelosamente il volume in libreria per poi donarlo come un cimelio di famiglia ai loro figli una volta arrivati alle medie.

Spero che prima o poi ne spunti fuori una versione femminile, ideata da ragazzine invidiose della più carina della classe!

via Vice Magazine

co-fondatore e direttore
  1. scusa simone, ma ti vorrei correggere: perchè i maschi gay non dovrebbero aver passato la post-adolescenza a scarabocchiare tutto ciò sui loro quaderni?? se abitassi + vicino ti farei vedere i miei… mah…

  2. Maschi etero? io sono maschio gay e ti assiucro che disegnavo le stesse cose, impara un po il giornalismo e la precisione prima di scrivere a vanvera

  3. Lo so che è lo stesso e non dipende dal fatto se si è gay o etero. Era per rafforzare il concetto di “maschio base” che disegna le torture. Comunque è un discorso lungo. Mi scuso se ho offeso qualcuno.
    Io da bambino ero etero e giocavo con le Barbie e oggi sono etero, credo, non ho imparato il giornalismo e parlo a vanvera ;)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Mira calligraphiae monumenta 5
Tesori d’archivio: le tavole di uno dei più bei libri di calligrafia del ‘500 si possono scaricare in alta risoluzione