Sei Bershon?

I’m so Bershon

Prima di tutto, cosa significa essere Bershon?
La definizione ufficiale viene da una blogger americana che ha tirato fuori dal suo passato questa parola apparentemente senza significato per indicare quello stato d’animo che ricorda molto quello che potete aver avuto quando, a 13 anni, vostra madre vi ha obbligato ad indossare un orrendo maglione natalizio per scattare una foto di famiglia, e voi non potevate essere più disgustati da tutta quella cosa, ma allo stesso tempo vi sentivate troppo fighi per protestare così non facevate altro che metter su quell’espressione – appunto da preadolescete incazzato – che rovinava regolarmente tutte le foto.

Se da ragazzini non eravate di quelli tutta apparenza (quelli che sono poi diventati: lei parrucchiera incinta a 16 anni e lui calciatore-la-domenica-in-chiesa e successivamente ingegnere) sicuramente avrete un cassetto pieno di foto in cui eravate insopportabilmente ma irresistibilmente Bershon.
Oltre a riguardare quei vecchi scatti con tenerezza potete postarli nell’apposito gruppo flickr dedicato ai Bershon. Sì, c’è un gruppo Flickr per tutto…

Occhio però che anche per essere considerati Bershon ci sono delle regole:

1.  i bambini con la faccia imbronciata o annoiata non sono Bershon. Essere Bershon implica un certo grado di autocoscienza ed attitudine ad odiare il mondo che si sviluppa solo con il tempo e gli ormoni;

2.
le photo di qualcuno evidentemente non a suo agio ma che sta per scoppiare non sono Bershon;

3. quelli semplicemente annoiati non sono Bershon;

4. neanche gli stoici sono Bershon;

5. gli anziani, in generale, non sono Bershon ma potrebbero esserci delle eccezioni;

6. gli animali non sono Bershon. Gli animali sono animali.

Ora tocca a voi: andate a ripescare le vostre espressioni Bershon, ma prima indovinate chi, nella foto in alto, è irrimediabilmente ed autenticamente Bershon.

via Urban Outfitters
via Design Observer

co-fondatore e direttore
  1. Sì, tu sei quell’unica eccezione: Bershon fin dalla nascita.
    E credo che non smetterai mai di esserlo. Ora almeno ho un’aggettivo per definire quella tua espressione tipica.

  2. w i bershon e abbasso i sorrisi a 52 denti! io nelle foto mi impegno sempre per essere Bershon…ti dà quell’aria un pò blazè molto affascinante!;-) approfitto per fare i complimenti a tutti voi per il vs sito, l’ho scoperto da poco ma lo trovo fantastico! ciao!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Un Samsung Galaxy Tab S7 e 9 buoni propositi per il 2021