Viva la salute

Viva la salute

Ogni volta che mi capita di dover andare dal medico generico cerco di arrivare sempre con un po’ di anticipo per evitare l’affollarsi di signore anziane (che in quel caso, tra me e me, preferisco chiamare vecchie) nella sala d’aspetto e dover quindi aspettare almeno un paio d’ore prima di farmi visitare. Ovviamente è del tutto inutile arrivare prima visto che loro sono già lì, qualsiasi sia l’ora in cui mi presento io, come se nella sala d’aspetto in reltà ci abitassero (come pure sembrano abitare al supermercato, dove non ho ancora trovato un orario friendly per chi ha fretta).

Dopo aver dato un’occhiata alla mappa che trovate in alto, però, devo dire che mi tocca star zitto ed evitare di lamentarmi visto che qui in Italia, con 240 pazienti, in media, per ogni medico, siamo tra i meglio serviti al mondo in fatto di salute (a parte Cuba e la Russia). In Tanzania ogni medico ha 50000 pazienti da visitare: di sicuro (purtroppo) gli anziani saranno pochi ma per una volta viva l’Italia e le 239 vecchiette che arrivamo prima di me dalla dottoressa.

co-fondatore e direttore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Tanti Saluti: da Cristina Amodeo e Paolo Belletti un dialogo a distanza tra fotografia e illustrazione