Fuel For Life: nuovo profumo della Diesel

Dopo una campagna virale tutta online svelata poco a poco attraverso video su youtube e comunicati a diversi blog nei quali una fantomatica e fascistoide Society Against Legalization si presentava ai navigatori per cercare adepti che si unissero alla sua causa: bloccare la legalizzazione di Fuel For Life, un misterioso elisir capace di corrompere i valori morali di chi lo provava.

Il 27 agosto scorso, poi, l’arcano è stato finalmente svelato (qui trovate una scaletta con tutte le tappe del lancio). Fuel For Life non è altro che la nuova fragranza della Diesel.

Ora la OgilvyInteractive di Milano, che ha curato la comunicazione del prodotto, coerentemente con la prima parte della campagna svoltasi soprattutto in rete, ha deciso di inviarmi una confezione di Fuel For Life per farmi testare personalmente il profumo e parlarne qui su Frizzifrizzi.
Ho pensato di farlo in tempo reale, così da non mettere troppi filtri tra le sensazioni e quello che poi andrò (anzi, vado) a scrivere.

La confezione, innanzitutto. Il packaging è semplice quanto efficace, moderno ma retrò, in puro stile Diesel. La scatola ha l’aspetto di un pacco incartato con carta grezza, con tanto di cordino ed etichetta in rilievo. Ma il vero gioiellino è la bottiglia. La versione da uomo (ovviamente mi hanno spedito quella, ma sul sito trovate anche quella da donna) ha l’aspetto di una vera e propria fiaschetta di elisir, di quelle che si potrebbero trovare in un film che mescola western e magia.
Un tessuto usato e cucito attorno alla fiala e una cerniera per sfilarlo via, come fosse un abito o una vecchia coperta che protegge qualcosa di prezioso.

E’ arrivato il momento di togliere il tappo (sembra quello di una bottiglia di whiskey trovata in un bar polveroso di inizio secolo) e provare il profumo.
Appena spruzzato dà subito l’idea di una fragranza molto maschile. Ma subito dopo arrivano le note più dolci. La prima impressione è che ricordi un po’ gli odori che si sentono quando si va alle giostre. Avete presente quel profumo inconfondibile di quando si passa tra i giochi e le bancarelle con torroni e zucchero filato?
Gli aromi sono quelli dell’anice stellata (ne vado pazzo, quindi probabilmente è soprattutto per questo che il profumo mi piace), del lampone e dell’eliotropo.

Ne metto ancora un po’. Non so dire se Fuel For Life abbia corrotto i miei valori morali, non mi resta che uscire e provarlo. Puntini di sospensione.