La t-shirt configurabile

La t-shirt configurabile

Una vecchia idea di un giapponese (lo so, la giornata del Giappone era ieri) che in occasione dei mondiali di calcio dello scorso anno si inventò questa t-shirt. Non essendo un bravo designer decise di puntare sul fai da te e sulla fantasia di coloro che l’avrebbero indossata.

Bastava un pennarello nero, infatti, per cancellare i puntini colorati e comporre un disegno, uno slogan, uno sfottò per la squadra avversaria… tutto insomma. Purtroppo, finiti i mondiali, la t-shirt venne ritirata dal commercio.
Ora, sul sito dove ho letto la notizia (LifeClever) propongono di inviarla a Threadless, famosissimo sito dedicato alle t-shirts per farla realizzare.

Vi giro l’idea perché non si sa mai che in questo paese di vecchie volpi a qualcuno non venga in mente di crearne una versione italiana. Lo so, è diseducativo: comunque non vi sto invitando a copiare, ma ad aguzzare l’ingegno.

co-fondatore e direttore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Beni Mobili: la call del Fritz Festival