Un romanzo, quando diventa (o è destinato a farlo) un classico, è come un meccanismo perfetto, un orologio di precisione che ti prende dentro ai suoi ingranaggi, ti gira e rigira, ti stritola e ti risputa fuori cambiato, diverso, nuovo.