The Gigantic Change, (ri)costruire un futuro diverso per il pianeta

Lo ammetto, nonostante abbia fatto altre affermazioni a voce alta prima di alcuni esami universitari, a me la storia non è mai dispiaciuta: è come infilarsi dentro un romanzo fatto di eventi e personaggi realmente esistiti, alcuni buoni, altri meno, in cui c’è sempre una morale, una lezione da portare a casa, un percorso che ci porta al momento che stiamo vivendo. È una materia “comoda”, perché l’hanno fatta gli altri per noi e ci dimentichiamo che, mentre la ripercorriamo, nel frattempo è arrivato il nostro turno. Sta a noi scrivere i prossimi capitoli per i lettori che verranno e immaginare cosa potranno leggere è un’attività che merita tutta la nostra attenzione.

Un concetto che ritroviamo in The Gigantic Change, un cortometraggio animato sottotitolato in molte lingue, italiano compreso, realizzato dallo studio britannico Passion Pictures per il movimento internazionale Extinction Rebellion, uscito oggi, 5 giugno, Giornata Internazionale dell’Ambiente.
Con la voce di un’attrice socialmente molto impegnata come Whoopi Goldberg, una nonna comincia a leggere una favola alla propria nipote, ambientata in un mondo che abbiamo fatto ammalare, ma quando sta per arrivare il peggio, chiude il libro e lascia che sia il futuro, con la voce della bambina, a continuarla. E allora gli eventi cambiano, le illustrazioni riprendono colore, torna il verde, il blu, torna la speranza sotto forma di cura per il pianeta. 

Ad un certo punto vi renderete conto che è il 2050 l’anno in cui tutto questo avviene, magari vi capiterà all’inizio o alla fine, e vi chiederete se quella piccola voce sta immaginando qualcosa che deve ancora avvenire o è già successo. Ma questo dobbiamo e possiamo ancora scriverlo. Sul sito di Gigantic Change ci sono un po’ di informazioni utili per farsi una propria idea e agire.

Artwork © Nicola Jane Francis
Artwork © Nicola Jane Francis
Artwork © Nicola Jane Francis
Artwork © Nicola Jane Francis
Artwork © Nicola Jane Francis
Artwork © Nicola Jane Francis
Artwork © Nicola Jane Francis
Artwork © Nicola Jane Francis
Artwork © Nicola Jane Francis
Artwork © Nicola Jane Francis
Artwork © Nicola Jane Francis
Altre storie
Vinyl Nation: un documentario sulla rinascita del vinile