Tesori d’archivio: il British Museum ha messo online oltre 4 milioni di pezzi della propria collezione

Lo scorso 18 marzo il British Museum ha chiuso temporaneamente le porte a causa dell’emergenza sanitaria in corso, lasciando fuori dalle sue meravigliose sale le migliaia e migliaia di visitatori che solitamente le affollano (coi suoi più di 6 milioni di ingressi all’anno è primo museo del Regno Unito e uno dei più visitati al mondo).

Coi cancelli serrati ma con un pubblico enorme potenzialmente interessato a dare uno sguardo o a fare ricerche tra le meravigliose collezioni che coprono la storia, l’arte e l’artigianato dell’intero pianeta, il British Museum ne ha approfittato per mettere online una nuova versione del suo sito, dov’è ora possibile vedere gratuitamente più di 4 milioni e mezzo di oggetti, fotografati e catalogati, provenienti dai numerosi dipartimenti della storica istituzione britannica.

Tutte le immagini, inoltre, si possono scaricare per uso non commerciale, con la possibilità di modificarle e riutilizzarle liberamente.
L’unico problema è che — dato lo sterminato e complesso catalogo — trovare ciò che si cerca non è semplicissimo (ma c’è una guida per iniziare) e ancora più difficile se non si sta cercando niente in particolare: per “vagare” tra i pezzi della collezione consigliamo di inserire nel form qualche parola chiave (noi ad esempio abbiamo provato con “alphabet”, “cloth”, “book-illustration”, “ukiyo-e”, “poster”).

Pagina tratta da un bestiario indiano, India, 19° secolo © The Trustees of the British Museum
Pagina tratta da “Memorial de Don Gonçalo Gomez de Cervantes del modo de vivir que tienen los indos, y del beneficio de las minas de la plata, y de la cochinella”, Messico, 16° secolo © The Trustees of the British Museum
Fac-simile di un frammento di manoscritto messicano del ‘500, stampato da Agostino Aglio, UK, 1825-1831 © The Trustees of the British Museum
Tsukioka Yoshitoshi, schizzo, Giappone, 1880 circa © The Trustees of the British Museum
Tsukioka Yoshitoshi, schizzo, Giappone, 1880 circa © The Trustees of the British Museum
Władysław Skoczylas, “Dance of the brigands”, xilografia, Polonia, 1927 © The Trustees of the British Museum
Władysław Skoczylas, “St Sebastian”, xilografia, Polonia, 1927 © The Trustees of the British Museum
Tessuto Yoruba, Nigeria © The Trustees of the British Museum
Giovanni Battista Palatino, “Libro di M. Giovambattista Palatino cittadino romano : nelqual s’insegna à scriuer ogni sorte lettera, antica & moderna, di qualun que natione, con le sue regole, & misure, & essempi : et con vn breve et vtil discorso de le cifre”, volume stampato da Valerio Dorico, Roma, 1561 © The Trustees of the British Museum
Calligrafia islamica © The Trustees of the British Museum
Johann Theodor de Bry, incisione della serie “Nova Alphati Effictio”, Germania, 1595 © The Trustees of the British Museum
Altre storie
Tesori d’archivio: la collezione di volantini punk della Cornell University