Passare ore davanti a cose belle e gratis? La nostra rubrica Tesori d'archivio è la soluzione.
C.B.; L.W. (monogramme) ; Imprimerie G. Massias. Cycles Gladiator, 18 Boulevard Montmartre. Affiche. Lithographie couleur, vers 1895. Paris, musée Carnavalet.

Tesori d’archivio: oltre 100.000 opere dei musei parigini da scaricare gratuitamente

Nata come società privata, Paris Musées è dal 2013 un’istituzione pubblica che si occupa della gestione e dell’attività di quattordici musei parigini: il Musée d’Art Moderne de la Ville de Paris, la Maison de Balzac, il Musée Bourdelle, Carnavalet Museum – History of Paris, The Catacombs, il Musée Cernuschi – Museum of Asian Art, il Musée Cognacq-Jay, l’Archaeological Crypt of Notre-Dame, il Musée Galliera, il Museum of the General Leclerc and the Paris’ Liberation – Jean Moulin Museum, il Petit Palais City of Paris Museum of Fine Arts, il Musée de la Vie Romantique, la Maison de Victor Hugo Paris / Guernsey e lo Zadkine Museum.

Nell’ottica di far conoscere al pubblico di tutto il mondo le tante meraviglie esposte e conservate negli archivi dei rispettivi “nodi” della rete di Paris Musées, in questi anni è stata intrapresa una gigantesca opera di digitalizzazione, che ha portato alla messa online di centinaia di migliaia di pezzi: dipinti, disegni, opere di grafica, antichi manoscritti, fotografie, sculture, monete, gioielli e pezzi di design.

J. Jonchère, Imprimerie A. Janniot & Cie, Elysée-Ménilmontant. “Noces et Banquets”, manifesto, litografia a colori, 1884. Paris, musée Carnavalet.
Charles Lévy, “Folies-Bergère, Kermesse!”, manifesto, litografia a colori, Paris, musée Carnavalet.

All’interno di questa iniziativa, l’8 gennaio scorso è anche stata annunciata la messa a disposizione gratuita e libera da qualsiasi vincolo di oltre 100.000 opere di pubblico dominio.
Si tratta di una quantità enorme e preziosa di materiale, consultabile da chiunque e scaricabile ad alta risoluzione.

Difficile se non impossibile dare un’idea esaustiva di ciò che si può trovare negli archivi digitali. Abbiamo deciso quindi di focalizzare l’attenzione su un piccola sezione, quella dedicata alle affiches, coi manifesti disegnati per pubblicizzare eventi, luoghi, spettacoli, negozi e prodotti.
Qua sotto alcuni esempi, realizzati da autori anonimi o da grandi nomi come Toulouse-Lautrec, Cappiello e Grün.

Per accedere alla collezione l’indirizzo è parismuseescollections.paris.fr.

Charles Lévy, “Folies-Bergère, Le Ballet Noir”, manifesto, litografia a colori, Paris, musée Carnavalet.
Jules Alexandre Grün (1868-1938), Imprimerie Bourgerie et Cie. “Le Grand Guignol, 20 Rue Chaptal”, manifesto, litografia a colori, Paris, musée Carnavalet
Jules Alexandre Grün (1868-1938), “Décadent’s Concert, Le Lever de Madame”, manifesto, litografia a colori, 1895 – 1900 circa. Paris, musée Carnavalet
Manifesto per lo spettacolo dei fratelli Houel, litografia a colori, 1880-1900. Paris, musée Carnavalet
Manifesto per lo spettacolo di Miss Madeline, Rosa, litografia a colori, 1880 – 1900, Paris, musée Carnavalet
Henri Marie Raymond de Toulouse-Lautrec (1864-1901), Imprimerie Chaix, “Caudieux”, manifesto, litografia a colori, 1893, Paris, musée Carnavalet
Wehly, Imprimerie Bas, “Cycle Arago, 81 Rue du Faubourg-Saint-Jacques”, manifesto, litografia a colori, Paris, musée Carnavalet
C.B, L.W., Imprimerie G. Massias, “Cycles Gladiator, 18 Boulevard Montmartre”, manifesto, litografia a colori, 1895 circa, Paris, musée Carnavalet
H. Bertrand, Imprimerie Delanchy & Cie, “H.Berger, La Mâchoire de Fer”, manifesto, litografia a colori, Paris, musée Carnavalet
Leonetto Cappiello (1875-1942), Imprimerie Paul Vercasson, “Cachou Lajaunie”, manifesto, litografia a colori, 1900, Paris, musée Carnavalet
Adrien Barrère, “Poilus dans une tranchée”, litografia a colori, 1916, Paris, musée Carnavalet
R. Destruel, Imprimerie Maurice Dupuy & Cie, “Couple dans une barque”, manifesto, litografia a colori, 1920 – 1925 circa, Paris, musée Carnavalet
Frédéric Bonnet, Imprimerie Maurice Dupuy & Cie, “Elégantes sous un feuillage”, manifesto, litografia a colori, 1920 – 1925 circa, Paris, musée Carnavalet
Altre storie
Tesori d’archivio: le pubblicità moderniste delle riviste di scienza e tecnica degli anni ’50 e ’60