Frizzifrizzi è in vacanza fino a inizio settembre.

Un libro di giochi come introduzione alla grafica

Quello del cosiddetto edutainment — neologismo coniato negli anni ’70 fondendo educazione e divertimento — è un calderone dal quale si possono pescare, di volta in volta, idee e prodotti davvero e interessanti ed efficaci ma anche iniziative che fanno accapponare la pelle (ricordo ancora con disgusto le illustrazioni e le filastrocche di un progetto che l’asl portò nella scuola di mia figlia per insegnare agli scolari l’importanza di lavarsi bene le mani e i denti).
Il discrimine tra un buon risultato e uno pessimo, come capita spesso, è il fatto di affidarsi o meno a dei bravi professionisti e dar loro la libertà e i mezzi necessari per fare un buon lavoro.

Un esempio virtuoso è quello del Centre National du Graphisme di Chaumont, in Francia, che nel 2015 commissionò a due designer — Aurélien Farina e Sophie Cure — la realizzazione di un libretto didattico per insegnare ai bambini, ragazzi e adulti i rudimenti della progettazione grafica in maniera comprensibile e leggera.

Sophie Cure e Aurélien Farina, “Graphic Design Play Book: An Exploration of Visual Thinking”, Laurence King, giugno 2019 (fonte: laurenceking.com)

A Farina e Cure venne data carta bianca, metaforicamente e letteralmente. Carta che loro riempirono di giochi e attività per avvicinare i lettori ad alcuni tra gli aspetti principali della comunicazione visiva (scelta dei caratteri, leggibilità, spazi negativi, matrici, moduli, griglie, composizione, simboli, pittogrammi, visualizzazione dei dati, identità visiva) sfruttando quindi le metodologie dell’imparar facendo.

Pubblicato in 1000 copie e messo immediatamente alla prova con un laboratorio che coinvolse diverse classi di studenti, il libro venne distribuito quello stesso anno durante lo Chaumont graphic design festival e poi, visto il successo, ristampato nel 2017.
A quattro anni di distanza dalla prima uscita, ora quel libro è stato finalmente tradotto in inglese e pubblicato dall’editore Laurence King con il titolo di Graphic Design Play Book: An Exploration of Visual Thinking.

80 pagine, 150 illustrazioni, si può acquistare anche su Amazon, mentre sul sito di Aurélien Farina si possono vedere moltissime immagini dell’edizione francese per farsi un’idea migliore riguardo ai contenuti.

Sophie Cure e Aurélien Farina, “Graphic Design Play Book: An Exploration of Visual Thinking”, Laurence King, giugno 2019 (fonte: laurenceking.com)
Sophie Cure e Aurélien Farina, “Graphic Design Play Book: An Exploration of Visual Thinking”, Laurence King, giugno 2019 (fonte: laurenceking.com)
Sophie Cure e Aurélien Farina, “Graphic Design Play Book: An Exploration of Visual Thinking”, Laurence King, giugno 2019 (fonte: laurenceking.com)
Sophie Cure e Aurélien Farina, “Graphic Design Play Book: An Exploration of Visual Thinking”, Laurence King, giugno 2019 (fonte: laurenceking.com)
Sophie Cure e Aurélien Farina, “Graphic Design Play Book: An Exploration of Visual Thinking”, Laurence King, giugno 2019 (fonte: laurenceking.com)
Sophie Cure e Aurélien Farina, “Graphic Design Play Book: An Exploration of Visual Thinking”, Laurence King, giugno 2019 (fonte: laurenceking.com)
Sophie Cure e Aurélien Farina, “Graphic Design Play Book: An Exploration of Visual Thinking”, Laurence King, giugno 2019 (fonte: laurenceking.com)
Sophie Cure e Aurélien Farina, “Graphic Design Play Book: An Exploration of Visual Thinking”, Laurence King, giugno 2019 (fonte: laurenceking.com)
Sophie Cure e Aurélien Farina, “Graphic Design Play Book: An Exploration of Visual Thinking”, Laurence King, giugno 2019 (fonte: laurenceking.com)
Altre storie
Un libro dedicato alle “ragazze del Bauhaus”