“Oh, Death! Anthology”, Black Letter Press, 2019 (courtesy: Black Letter Press)

Oh, Death! Da Black Letter Press un’antologia di poesia funesta

«Si tratta di un libretto tascabile con valore di talismano. Poesia inglese ottocentesca per ripararsi dalle asperità del contemporaneo», così Claudio Rocchetti mi descrisse l’antologia sulla quale lui e la sua compagna Alice Winkler stavano lavorando quando, qualche mese fa, li intervistai riguardo al loro nuovo progetto editoriale, la casa editrice Black Letter Press, specializzata nella pubblicazione di libri insoliti, che vanno dalla storia della scienza (vedi il Sidereus Nuncius di Galilei) alla magia e l’occulto (Natural Magick di Giambattista della Porta e il grimorio Il Drago Rosso), passando appunto per la poesia romantica, protagonista di Oh, Death! Anthology, che raccoglie testi di autori britannici del XIX secolo come Coleridge, Wordsworth, Keats, Blake, Byron, i coniugi Mary e Percy Bysshe Shelley, Thomas Grey ed Elizabeth Barrett Browning.

Autori che spesso si studiano a scuola, durante l’ora d’inglese, e che poi rimangono lì, sui libri delle superiori, disinnescati della loro potenza dalla cornice didattica, capace, il più delle volte (a meno che non ci sia un prof. particolarmente illuminato a riaccendere il sacro fuoco), di rendere anacronistico e noioso tutto ciò che abbraccia, persino il fervore dei romantici, che pure sarebbe tanto affine a quello del periodo adolescenziale.

“Oh, Death! Anthology”, Black Letter Press, 2019 (courtesy: Black Letter Press)

Selezionati da Rocchetti e Winkler — che sono andati a pesca nelle oscure, tempestose e tormentate acque della letteratura ottocentesca in cerca del sublime, dello spleen, del doloroso bramare (l’intraducibile Sehnsucht) — i versi in lingua originale contenuti in Oh, Death! parlano di morte, com’è evidente fin dal titolo e dalla copertina, che è stata affidata, così come le illustrazioni interne, all’artista forse più azzeccato per questo genere di lavoro: Marcello Crescenzi, in arte Rise Above.

Il libro, che, cito i curatori, è «una guida tra le foreste della notte […], un’armatura» e «perfetto per i nostri tempi, perché al di fuori del tempo», si può pre-preordinare online, mentre segnalo anche la campagna di crowdfunding lanciata da Black Letter Press per la traduzione in inglese de Il Drago Rosso.

Illustrazione di Marcello Crescenzi aka Rise Above (courtesy: Black Letter Press)
“Oh, Death! Anthology”, Black Letter Press, 2019 (courtesy: Black Letter Press)
“Oh, Death! Anthology”, Black Letter Press, 2019 (courtesy: Black Letter Press)
Altre storie
Il diario di viaggio di Christoph Niemann, a Los Angeles alla ricerca di David Hockney