Fotogramma del corto “Sous L'Eau”, di Olivier Sautet

Potenza e poesia dell’acqua, a tempo di Bach

Ultimo movimento della Partita n. 2 in re minore BWV 1004, scritta nel 1721 da Johann Sebastian Bach, la Ciaccona, che prende il nome da una danza tradizionale di probabile origine spagnola, è uno dei pezzi più celebri del compositore tedesco, che la scrisse di getto quando, di ritorno da un viaggio insieme al suo amico e mecenate Leopoldo di Anhalt-Köthen, scoprì che sua moglie Maria Barbara era morta una settimana prima.

Composta per violino solo, riarrangiata più volte nel corso dei secoli per piano, violoncello, organo, chitarra e orchestra, è capace di mettere duramente alla prova chi la suona e, trattandosi dell’opera di Bach — cioè il punto d’incontro per eccellenza tra musica, mistica e matematica —, è stata oggetto di diverse interpretazioni: c’è chi la vede come una complessa danza e chi, come la musicologa tedesca Helga Thoene, come la versione in note di un epitaffio, tra genio, morte, potenza, turbolenza, disperazione, amore, accettazione e di nuovo dolore.

Fotogramma del corto “Sous L’Eau”, di Olivier Sautet

In entrambi i casi, la Ciaccona si adatta perfettamente all’uso che ne fa il filmmaker Olivier Sautet, che l’ha usata come colonna sonora di Sous L’Eau.

Sautet, che viene dal sud della Francia è specializzato in cortometraggi, documentari e pubblicità che hanno come protagonista l’acqua e gli sport acquatici, lo definisce come un “visual poem”. Girato tra Hawaii, Madagascar, Francia, Mauritius e Tahiti, mostra sostanzialmente la magia, la bellezza, la forza, l’anima dell’acqua, con i suoi movimenti, le sue onde, liquide e sonore allo stesso tempo.
L’arrangiamento della Ciaccona che ha scelto è quello per pianoforte di Ferruccio Busoni.

Fotogramma del corto “Sous L’Eau”, di Olivier Sautet
Fotogramma del corto “Sous L’Eau”, di Olivier Sautet
Fotogramma del corto “Sous L’Eau”, di Olivier Sautet
Fotogramma del corto “Sous L’Eau”, di Olivier Sautet
Fotogramma del corto “Sous L’Eau”, di Olivier Sautet
Altre storie
Segregated by design: un’animazione racconta la storia dimenticata della segregazione urbana in America