In a Nutshell: un’animazione in stop motion per raccontare il mondo attraverso gli oggetti

L’espressione inglese in a nutshell, che in italiano si può tradurre con in poche parole, si usa per indicare qualcosa che richiederebbe una lunga spiegazione ma che invece si può riassumere in breve e stare proprio, metaforicamente, dentro a un guscio di noce (la storia dell’uso di questo modo di dire è piuttosto interessante: va a toccare Omero, Plinio il Vecchio, Cicerone e Amleto, e si può trovare qui, spiegata, a sua volta… in a nutshell).

In A Nutshell è anche il titolo scelto dal filmmaker, animatore e musicista svizzero Fabio Friedli, dello studio YK Animation, per un pluripremiato cortometraggio d’animazione che tenta di racchiudere la complessità del mondo dentro alla proverbiale noce.

Si comincia da un semino e poi, aprendosi il guscio, lo spettatore viene lanciato in un breve ma densissimo viaggio tra le meraviglie (nel bene e nel male) dell’ingegno umano e della natura.
Dalla scrittura alla matematica, dalla tecnologia alla guerra, dall’amore al sesso, dalla religione alla morte, dalla speranza alla decadenza, dall’informazione a Trump, dai rifugiati agli smartphone, è tutto raccontato dagli oggetti che — naturali e artificiali — sono simboli e simulacri dell’esperienza umana.

Realizzato con la tecnica della stop motion, In A Nutshell è stato creato utilizzando migliaia di “cose”, e Things era infatti il titolo iniziale del progetto, concepito da Friedli nel 2014 come trailer per l’International Film Festival of Winterthur, ma sviluppatosi in seguito come lavoro a sé stante. Uscito, dopo una lunga gestazione, nel 2017, è stato selezionato da alcuni tra i più prestigiosi festival a livello mondiale, si è portato a casa diversi premi e finalmente è stato messo online in versione integrale, su Vimeo, a fine 2018.

A livello di ricerca degli oggetti e di montaggio, l’opera ha richiesto un lavoro immane. Sono così tanti gli elementi usati che è impossibile vederli tutti senza scorrere il video fotogramma per fotogramma.
«Mi piace credere che sia il subconscio a scegliere ciò che vedi, ascolti e senti, a seconda di cosa sta occupando la tua testa e il tuo cuore al momento. Nessuno ha la stessa esperienza di In A Nutshell», ha spiegato il regista.

P.S.
A proposito di gusci di noce e complessità riassunta in breve, In a Nutshell è anche il titolo di un fortunato canale YouTube di cui abbiamo parlato qualche volta qui su Frizzifrizzi, e che produce una serie di animazioni per spiegare con semplicità temi molto complicati in campi come la fisica, la filosofia, l’astronomia, la medicina, l’economia, la geopolitica, la sociologia, l’alimentazione.

Altre storie
L’effimera magia della Rosa di Maggio