Frizzifrizzi è in vacanza fino a inizio settembre.
Christoph Niemann, “Hopes and Dreams”, Abstractometer Press, 2018 (fonte: christophniemann.com)

Il diario di viaggio di Christoph Niemann, a Los Angeles alla ricerca di David Hockney

Christoph Niemann è universalmente riconosciuto come uno dei più grandi illustratori contemporanei. Classe 1970, di base a Berlino, collabora con tutte le principali testate internazionali, ha scritto e disegnato libri per grandi e bambini (di uno in particolare, bellissimo, ho avuto modo di parlare poco più di un anno fa) ed è autore di una serie, Sunday Sketch, che ha avuto un enorme successo su Instagram (dove Niemann ha un seguito da celebrità) ed è a sua volta stata raccolta in un volume.

Grande ispirazione per legioni di giovani talenti, l’artista tedesco non si vergogna di citare i suoi, di maestri. Uno di essi è David Hockney, che Niemann ha avuto l’opportunità di incontrare a fine 2016, cogliendo al volo l’occasione di raccontare a modo suo il viaggio a Los Angeles attraverso una serie di opere, intitolata Hopes and Dreams, protagonista di una mostra, allestita presso la Ziehersmith Gallery di New York tra novembre e dicembre 2018, e di un libro.

Christoph Niemann, “Hopes and Dreams”, Abstractometer Press, 2018
(fonte: christophniemann.com)

«Alla fine di novembre dell’anno scorso ho ricevuto un SMS dal mio amico Philipp Keel. “La settimana prossima vedrò David Hockney a Los Angeles”, diceva.“Vuoi venire con te?”. Ignorando ogni ragionevole motivo per non viaggiare per mezzo mondo, da Berlino, sono andato a prenotare subito un biglietto», racconta Niemann nelle prime pagine di Hopes and Dreams, che riporta i pensieri, le impressioni e le visioni avute durante quattro giorni passati a girare per la città in attesa dell’incontro.

Hockney e Niemann si sono poi effettivamente visti, ma al loro colloquio l’illustratore tedesco ha dedicato una sola tavola. Il viaggio, dopotutto, è più importante della meta che si vuol raggiungere e, come recita una massima attribuita a Gotthold Ephraim Lessing, connazionale di Niemann, “l’attesa del piacere è essa stessa il piacere”.

Christoph Niemann, “Hopes and Dreams”, Abstractometer Press, 2018
(fonte: christophniemann.com)
Christoph Niemann, “Hopes and Dreams”, Abstractometer Press, 2018
(fonte: christophniemann.com)
Christoph Niemann, “Hopes and Dreams”, Abstractometer Press, 2018
(fonte: christophniemann.com)
Christoph Niemann, “Hopes and Dreams”, Abstractometer Press, 2018
(fonte: christophniemann.com)
Christoph Niemann, “Hopes and Dreams”, Abstractometer Press, 2018
(fonte: christophniemann.com)
Christoph Niemann, “Hopes and Dreams”, Abstractometer Press, 2018
(fonte: christophniemann.com)
Christoph Niemann, “Hopes and Dreams”, Abstractometer Press, 2018
(fonte: christophniemann.com)
Christoph Niemann, “Hopes and Dreams”, Abstractometer Press, 2018
(fonte: christophniemann.com)
Christoph Niemann, “Hopes and Dreams”, Abstractometer Press, 2018
(fonte: christophniemann.com)
Christoph Niemann, “Hopes and Dreams”, Abstractometer Press, 2018
(fonte: christophniemann.com)
Christoph Niemann, “Hopes and Dreams”, Abstractometer Press, 2018
(fonte: christophniemann.com)
Altre storie
Mindchine: le “macchine cognitive” di Federico Babina