Tipografo, type designer, calligrafo, book designer, docente, Hermann Zapf è stato uno dei più grandi disegnatori di caratteri tipografici del ‘900.

Nato in Germania nel 1918, Zapf da bambino era interessato principalmente alle scienze e sembrava avviato a una carriera di ingegnere elettrico ma, con l’avvento del nazismo, non riuscì a entrare nella principale scuola tecnica della sua Norimberga e trovò invece un lavoro come foto-ritoccatore nell’azienda degli elenchi telefonici.
Rimasto folgorato dai caratteri tipografici dopo aver visitato una mostra sul type designer Rudolf Koch, cominciò a studiare calligrafia da solo.

(fonte: kickstarter.com)

Finito il periodo di apprendistato presso l’azienda degli elenchi telefonici, si trasferì a Francoforte, dove lavorò per Paul Koch, figlio di Rudolf, e con l’arrivo della guerra, a causa di problemi di salute, fece principalmente lavori d’ufficio, tra cui il cartografo. Fatto prigioniero dai francesi, alla fine della Seconda Guerra Mondiale tornò prima a Norimberga e poi a Francoforte, dove lavorò come tipografo e insegnante di arti grafiche.

Tra la fine degli anni ’40 e l’inizio degli anni ’50 disegnò alcuni tra i caratteri tipografici più usati ancora oggi, come l’Optima, il Palatino e il Sistina. Negli anni ’60 fu un vero e proprio pioniere nello sviluppo di font per computer e, nel decennio successivo, cominciò a studiare le possibilità di progettazione tipografica attraverso gli elaboratori elettronici. «Il suo obiettivo», scrive Clayton Ewan nel suo saggio sulla scrittura, Il filo d’oro, «era sviluppare programmi informatici per strutture tipografiche, basati su unità modulari, che potessero essere utilizzati anche da non specialisti, come gli impiegati d’ufficio e le segretarie».

(fonte: kickstarter.com)

Nel ’76 Zapf cominciò a insegnare negli Stati Uniti, dove, insieme ad altri due mostri sacri del design e della tipografia, Herb Lubalin e Aaron Burns, fondò un’azienda per lo sviluppo di quel tipo di software, continuando al contempo a progettare caratteri tipografici.

Morto nel 2015, a 96 anni, nella sua Germania, Herman Zapf ha avuto evidentemente una lunga carriera, che è oggi oggetto d’indagine di un libro, Hermann Zapf & the World He Designed, una biografia di oltre 350 pagine con più di 400 illustrazioni (100 delle quali finora inedite), tra progetti, bozze, disegni e fotografie.

(fonte: kickstarter.com)

Dietro al progetto, che sta raccogliendo fondi per la pubblicazione attraverso il crowdfunding, c’è una piccola casa editrice indipendente newyorkese, la Kelly-Winterton Press, che in passato ha già pubblicato opere di Zapf. Tra l’altro uno dei fondatori, Jerry Kelly, anche autore del libro, è stato a sua volta studente del grande maestro tedesco.

L’uscita di Hermann Zapf & the World He Designed è prevista per la primavera del 2019.

(fonte: kickstarter.com)

(fonte: kickstarter.com)

(fonte: kickstarter.com)

(fonte: kickstarter.com)

(fonte: kickstarter.com)

(fonte: kickstarter.com)

(fonte: kickstarter.com)

(fonte: kickstarter.com)

(fonte: kickstarter.com)

(fonte: kickstarter.com)

Un libro dedicato al grande disegnatore di caratteri tipografici Hermann Zapf