Tesori d’archivio: Boiler Room lancia la nuova piattaforma 4:3

Boiler Room è una delle più celebri e interessanti piattaforme di video streaming legate alla musica (principalmente elettronica, ma non solo). Nata nel 2010 in una stanza caldaie (da qui il nome), oggi organizza eventi in tutto il mondo, ha un archivio con oltre 4000 concerti, una rete di più di 5000 artisti e negli ultimissimi anni ha anche iniziato a produrre documentari.

Con un pubblico di centinaia di migliaia di appassionati, il sito fondato da Blaise Bellville ha deciso di provare a coinvolgere un pubblico interessato anche ad altre tipologie di contenuti e lo scorso 29 maggio ha lanciato 4:3, piattaforma nuova di zecca dedicata sia a filmati d’archivio che a video realizzati su commissione, tutti quanti legati alla cultura underground — il motto del progetto è appunto “Netflix for the underground”.

Ad oggi il sito, che dà accesso gratuito (previa iscrizione, gratuita pure quella) a tutto il materiale, ha organizzato i video in una serie di playlist, che vanno dalle animazioni sperimentali e d’avanguardia (con vere chicche anche degli anni ’20, ’30 e ’40) ai filmati d’archivio dei rave, dalla video arte alle performance queer, dagli imperdibili documentari degli anni ’80 di Robert Mugge (su Gil Scott-Heron, su Al Green, su Sun Ra, su Sonny Rollins) ai primissimi lavori di registi come David Lynch, Spike Lee, Guillermo del Toro, Wes Anderson e Sofia Coppola.

Ogni sezione ha i propri curatori, ma ci sono anche quattro ospiti speciali a selezionare materiale: Ryuichi Sakamoto, Peaches, Elijah Wood e Jenn Nkiru.

Mary Ellen Bute, “Tarantella”, 4′, 1940
David Lynch, “Six Men Getting Sick”, 4′, 1966
Jeff Keen, “Cineblatz”, 2′, 1967
Robert Mugge, “Sun Ra: A Joyful Noise”, 59′, 1980
Robert Mugge, “Gil Scott-Heron – Black Wax”, 79′, 1983
Guillermo del Toro, “Doña Lupe”, 27′, 1985
Zeinabu Davis, “Cycles”, 19′, 1989
Wes Anderson, “Bottle Rocket”, 14′, 1994
Lewis Klahr, “Pony Glass”, 14′, 1998
David Mancuso & The Loft, “Maestro”, 85′, 2003
“The dancer”, 17′, 2005
Cyprien Gaillard, “Cities Of Gold And Mirrors”, 9′, 2009
Forensic Architecture, “Liquid Traces – The Left-to-Die Boat Case”, 2′, 2014
Assume Vivid Astro Focus, “avalanches volcanoes asteroids floods”, 115′, 2017

[via]

Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.