fbpx
1827 1940

Un’animazione racconta la vita (e la crisi esistenziale) di una gif al di fuori del loop

Una papera, disegnata con un mucchietto di forme geometriche colorate, prova a spiccare il volo. Fa un salto, non riesce a volare, rovina al suolo riducendosi a pezzi. Poi si ricompone, riprova, fallisce di nuovo, cade, si rompe. E via così, in un loop infinito, come le milioni di gif che guardiamo e condividiamo ogni giorno.
L’artista che l’ha realizzata, lo scozzese Will Anderson stava semplicemente creando l’ennesima animazione quando a un certo punto ha avuto una sorta di epifania.

«Mi sono seduto a guardarla, bloccata lì, e ho deciso che mi sarebbe piaciuto scavare più a fondo e scoprire di più sulla sua vita online», ha raccontato Anderson in un’intervista rilasciata alla piattaforma Short of the week.
Così, come farebbe un documentarista con l’oggetto della sua indagine, ha cominciato a “seguire” quella papera condannata a ripetere sempre e per sempre la stessa azione, scoprendo la sua vita fuori dal loop, le sue frustrazioni, la sua crisi esistenziale.

Senza sceneggiatura e praticamente senza budget, Anderson — già autore di diversi cortometraggi animati e vincitore di decine di premi prestigiosi, tra cui un BAFTA per la sua opera prima, The Making of Longbird — ha cominciato a lavorare al progetto durante il tragitto tra casa e lavoro. Dopo poco più di tre mesi (e grazie alla collaborazione di Keith Duncan per il sound design) il cortometraggio era pronto, e ha cominciato a fare il giro dei festival.
Nominato nella categoria corti animati ai BAFTA 2018 e vincitore del premio come miglior cortometraggio ai British Animation Awards 2018, Have Heart è stato messo online su Vimeo.

1827 1940

1826 1940

Altre storie
3 45
3:45, un corto d’animazione sullo “overthinking” e la ricetta per vivere sereni