Partecipa al Booktober. Dal 1º al 31 ottobre.
(fonte: pulverer.si.edu)

Tesori d’archivio: centinaia di libri illustrati giapponesi da sfogliare online

Nel 1969 il medico tedesco Gerhard Pulverer e sua moglie Rosemarie cominciarono a collezionare antichi libri illustrati giapponesi. In oltre trent’anni, la coppia è riuscita ad accumulare qualcosa come 2000 volumi, che vanno dagli inizi del ‘600 e arrivano fino agli anni ’70.
Si tratta di una delle più grandi collezioni di questo genere al di fuori del Giappone, e nel 2007 è stata acquisita dalla Freer Gallery of Art, museo di base a Washington, negli Stati Uniti, che fa parte della Smithsonian Institution ed è dedicato all’arte asiatica.

La Pulverer Collection, oggi interamente digitalizzata e messa online, comprende più di 900 titoli, per un totale di oltre 2200 volumi, catalogati per macro-temi: dalla calligrafia alla botanica, dall’arte erotica al teatro, dai manuali ai pattern dei tessuti.

Tutti i libri si possono sfogliare (ma, ahimè, non scaricare) dall’inizio alla fine e le pagine si possono ingrandire fino a vedere ogni singolo dettaglio. Infine, caratteristica particolarmente interessante, ogni opera è accompagnata da un commento che spiega il contenuto del libro, il contesto storico e culturale e dà qualche informazione sugli autori, che vanno da nomi universalmente conosciuti — vedi ad esempio Hokusai e Utamaro — a centinaia di altri artisti da scoprire.

Takebe Ayatari, “Kan’yōsai gafu”, 1762
(fonte: pulverer.si.edu)
Nishikawa Sukenobu, “Nyohitsu shinan shū”, 1751
(fonte: pulverer.si.edu)
Kitao Masanobu, “Shin bijin awase jihitsu kagami”, 1784
(fonte: pulverer.si.edu)
Kitao Masayoshi, “Ehon miyako no nishiki”, 1787
(fonte: pulverer.si.edu)
Kitao Masayoshi, “Chōjū ryakuga shiki”, 1797
(fonte: pulverer.si.edu)
Kitao Masayoshi, “Jinbutsu ryakuga shiki”, 1799
(fonte: pulverer.si.edu)
Kitagawa Utamaro, “Hana fubuki”, 1802
(fonte: pulverer.si.edu)
Yamaguchi Soken, “Soken gafu sōka no bu”, 1806
(fonte: pulverer.si.edu)
Suzuki Harunobu, “Enpon kakushite goran”, ?
(fonte: pulverer.si.edu)
Katsushika Hokusai, “Kinoe no komatsu”, 1814?
(fonte: pulverer.si.edu)
Katsushika Hokusai, “Odori hitorigeiko”, 1815
(fonte: pulverer.si.edu)
Keisai Eisen, “Shunjō yubi ningyō”, ?
(fonte: pulverer.si.edu)
Kawamura Bunpō, “Kinpaen gafu”, 1820
(fonte: pulverer.si.edu)
artista sconosciuto, “Eitai ōzassho sanzesō”, 1830
(fonte: pulverer.si.edu)
artista sconosciuto, “Gaiban yōbō zue”, 1854
(fonte: pulverer.si.edu)
Maki Bokusen, “Inari andō”, 1863
(fonte: pulverer.si.edu)
Tsuda Seifū, “Kamonfu”, 1900
(fonte: pulverer.si.edu)
Watanabe Kazan, “Kazan gafu”, 1911
(fonte: pulverer.si.edu)
artisti vari, “Kyōto meisho gafu”, 1913
(fonte: pulverer.si.edu)
Kawarazaki Kōdō, “Hana shishū”, 1934-35
(fonte: pulverer.si.edu)
Hashimoto Okiie, “Nihon no shiro”, 1944
(fonte: pulverer.si.edu)
Maekawa Senpan, “Shitōchō”, 1945
(fonte: pulverer.si.edu)
Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.