fbpx
brexit passport design competition ian macfarlane first place hero
©Ian Macfarlane (fonte: dezeen)

(Come potrebbe essere) il nuovo passaporto britannico dopo la Brexit

I fatti sono noti a chiunque non abbia vissuto in una caverna o in una giungla con gli animali selvaggi durante l’ultimo anno.
Il 23 giugno 2016 i cittadini del Regno Unito hanno votato contro la permanenza del loro paese nell’Unione Europea, voto che ha portato il panico nei mercati mondiali e spinto alle dimissioni il premier David Cameron, che è stato sostituito dalla conservatrice Theresa May.
Dopo fiumi d’inchiostro versato sulla vicenda, montagne di editoriali, valanghe di meme, il 29 marzo scorso sono state avviate le procedure “d’uscita” ed è iniziata la fase di negoziazione tra Regno Unito e Unione Europea, che durerà un paio di anni.

Tra le tante conseguenze della cosiddetta Brexit, alcune prevedibili, altre meno, c’è il cambio dei passaporti britannici, che ora sono in linea con quelli della UE ma che dovranno necessariamente essere rinnovati.

Visto che ancora non si è iniziato a parlare ufficialmente di quest’aspetto, il sito dezeen ha colto l’occasione per lanciare un concorso di progettazione del nuovo, sebbene ufficioso, passaporto del Regno Unito.
A partecipare al contest, che metteva in palio quasi 2000 sterline per i primi tre classificati, sono stati oltre 200, da tutto il mondo.

Ad aggiudicarsi il primo premio, con un bellissimo progetto che gioca proprio sull’uscita dalla UE attraverso il colore, che dal borgogna europeo ritorna al blu british del passato, è stato lo scozzese Ian Macfarlane.
Il secondo e terzo classificato, invece, li trovi qua.

brexit passport design competition ian macfarlane first place hero
©Ian Macfarlane
(fonte: dezeen)

co-fondatore e direttore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
logomotive cover
Logomotive: la grafica dell’epoca d’oro del settore ferroviario americano