Partecipa al Booktober. Dal 1º al 31 ottobre.

I vasi in costume (e quelli nudisti) di Group Partner

Chi non ha quell’angolino, in casa, che per colori, oggetti, quadri o stampe, magari libri, ha un non so che di spiaggia, di marittimo, di vacanziero?
Ecco, quello è l’angolino giusto per i vasi in ceramica prodotti da Group Partner, studio di base a Brooklyn fondato nel 2012 da Isaac Nichols, ex studente d’arte che si autodefinisce “neo hippy” e che ad un certo punto si è messo a produrre ceramiche, imparando il mestiere pian piano, da assoluto autodidatta.

Puntando sul fattore “divertimento”, per chi produce come pure per chi acquista, Nichols ha iniziato a dare ai suoi vasi l’aspetto di volti (battezzando ciascuno con un nome diverso, con lo stesso spirito di chi chiama un gatto Otto perché è assolutamente certo che sia quello, e non potrebbe essere nessun altro, il suo nome) e soprattutto di torsi umani, più nello specifico torsi femminili, con tanto di seno, un piccolo seno, discreto.

A quel punto, soprattutto grazie a Instagram, i suoi vasi sono diventati immediatamente l’ennesimo fenomeno che scoppia e si esaurisce nel giro di qualche giorno. Nichols però ha saputo sfruttare bene i “15 minuti di celebrità” dei torsi in ceramica e con l’aiuto della nuova socia Steph Smith (“femminista radicale”, così si descrive) e di una squadra di collaboratori, il marchio ha cominciato a strutturarsi e a crescere.

Ora, oltre ai volti coi nomi, ai torsi femminili nudi o in costume o coi segni dell’abbronzatura (!) ci sono anche quelli maschili, con costumino striminzito e attillato e “pacco” in bella vista.

Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.