fbpx
06 05 16 0036

Le casse dentro alla testa di Donald Trump

Quando lo scorso settembre l’artista russo Pedro Wodkins ha lanciato il marchio Sound of Power la stampa di mezzo mondo si è fiondata immediatamente sulla notizia. Perché la furbissima idea di Wodkins — concepire il marchio stesso come trovata artistica ma vendendo realmente (anche se in edizione limitata) i prodotti — consiste nell’incastonare degli speaker nei busti di alcuni dei leader e dei farabutti (talvolta le due etichette coincidono) del presente e del passato ed è, come si suol dire, molto “notiziabile”.

Progettate in Russia e prodotte a mano in Svezia, le casse finora uscivano in quattro modelli, “dedicati”, passatemi il termine, a Vladimir Putin (ironicamente ribattezzato St. Vladimir), Kim Jong-Un (cioè Kim Sunshine), Margaret Thatcher (Maggie) e Pablo Escobar (Uncle Pablo, unico della gang a non aver avuto cariche politiche, peccato per lui non esser nato in Italia).

A questi ora si aggiunge anche un futuro, forse (ma speriamo davvero di no; o di sì, per chi punta sulla catastrofe definitiva), potente della terra: Donald the Great ovvero Donald Trump, tra i personaggi più parodiati e “meme-izzati” degli ultimi mesi, uno capace di sparare tante gaffe quante pericolosissime dichiarazioni e in un certo senso di “suonare” a suo piacimento il mondo come fosse uno strumento — sta tutta qua, in fondo, la metafora che c’è dietro al progetto di Wodkins.

06-05-16_0014

06-05-16_0041

06-05-16_0050

06-05-16_0040

06-05-16_0036

co-fondatore e direttore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Agenda Salce S3C 01 B
Da design-associati un calendario e un’agenda ispirati alla Collezione Salce