(fonte: tools.subtraction.com)

Gli “attrezzi del mestiere” dei designer (carta e matita vincono ancora sui bit)

Il panorama dei software per la gestione dei progetti e del flusso di lavoro di un designer (ma ovviamente non soltanto dei designer), soprattutto a livello “mobile”, è tanto caotico e sovraffollato da far perdere la bussola a chiunque, anche perché l’utente-tipo di programmi del genere è poi quello che appena esce una nuova app con nuove funzioni se la scarica e la prova, spesso lasciando dietro di sé un “cimitero” di test abortiti e di icone abbandonate in qualche angolino delle schermo, né cancellate (che non si sa mai…) ma neppure usate.

Col moltiplicarsi dell’offerta è molto più complicato ora, rispetto ad esempio a 10 o 15 anni fa, capire quali siano gli strumenti più utilizzati, anche perché per un Photoshop, un Illustrator, una Gmail che in pratica monopolizzano la loro nicchia di mercato, in molti altri casi è difficile se non impossibile parlare di “standard”.

Proprio per questo Khoi Vinh, una delle figure più importanti e influenti nel mondo del design (attualmente lavora da Adobe ed è un blogger di successo ma ha anche scritto libri, fondato start up, creato software…), lo scorso giugno ha deciso di fare un sondaggio chiedendo ai designer di tutto il mondo quali fossero i loro strumenti d’elezione in sei diverse aree: brainstorming, wireframing, design delle interfacce utente, prototipazione, gestione dei progetti, controllo delle versioni e gestione dei file.

(fonte: tools.subtraction.com)
(fonte: tools.subtraction.com)

Al sondaggio hanno partecipato in oltre 4000, dai freelance alle grandi agenzie, offrendo quindi un bel campione statistico e tanti dati, coi quali poi Vinh, con la collaborazione di Hyperakt, ha creato un mini-sito sul quale puoi trovare i risultati della ricerca.

A sorpresa — ma poi non più di tanto — a vincere nella categoria “brainstorming” sono le care, vecchie carta e matita, anche se il vero “peso massimo” uscito dal sondaggio (che, lo sottolineo, non è stato commissionato da nessuna software house) è il programma Sketch, che vince in due categorie, mentre per quanto riguarda la gestione dei file Dropbox (com’era prevedibile) batte tutta l’agguerrita concorrenza.

(fonte: tools.subtraction.com)
(fonte: tools.subtraction.com)
(fonte: tools.subtraction.com)
(fonte: tools.subtraction.com)
(fonte: tools.subtraction.com)
(fonte: tools.subtraction.com)
Altre storie
Un sito raccoglie e cura i tesori relativi al design che si trovano gratuitamente sull’Internet Archive