Art of Burning Man: un nuovo libro di Taschen mostra le foto degli ultimi sedici anni di festival in mezzo al deserto

Il Burning Man è uno di quei fenomeni tipici della cultura degli Stati Uniti d’America, possibili e spiegabili solo in quanto totalmente, profondamente e intimamente “americani” come pure lo sono Las Vegas, il Midwest, la Silicon Valley (e lo spirito su cui affonda le radici) e gli USA stessi.

Non una semplice festa o un rave per decine di migliaia di partecipanti, non solo un parco dei divertimenti psichedelico, né soltanto un rito e neppure una (pur bizzarra) città temporanea che appare e scompare in mezzo al deserto del Nevada nel giro di otto giorni, dall’ultimo lunedì di agosto al primo lunedì di settembre, e si conclude bruciando un enorme pupazzone di legno (da qui il nome): il Burning Man, dal punto di vista culturale è una singolarità, nell’accezione matematica del termine e cioè “un punto in cui un ente matematico, per esempio una funzione o una superficie, ‘degenera’, cioè perde parte delle proprietà di cui gode negli altri punti generici”; o nell’accezione fisica di singolarità gravitazionale, “un punto dello spaziotempo in cui il campo gravitazionale ha tendenza verso un valore infinito”, come il nucleo di un buco nero, o lo stesso Big Bang.

Il Burning Man è un momento e un luogo in cui tempo e spazio (nonché ragione) perdono di significato. Dove vengono costruiti tempi in onore di strane religioni pagane, dove si va in giro nudi o colorati da capo a piedi o vestiti nel modo più assurdo possibile. Dove si fanno grigliate e vedi arrivare Zuckerberg di Facebook in elicottero a girare salsicce sulla brace. Dove i manager delle start up milionarie si fanno di allucinogeni col loro staff. Dove per entrare paghi un biglietto di qualche centinaio di dollari, dove gli storici “aficionados” criticano la recente gentrificazione dei nuovi paperoni del web. Dove qualcuno di tanto in tanto ci lascia la pelle. Tutto nello spirito dei 10 principi che regolano l’evento. Come dicevo prima: una cosa del genere è possibile solo in America.

Nato nell’86 in quel di San Francisco (durante la prima edizione parteciparono in 20; l’ultima, quella del 2014, erano 65.922), il Burning Man si è poi spostato nel Black Rock Desert, in Nevada, nel 1990. Il fotografo canadese NK Guy partecipa dal 1998 e sono proprio le sue foto le protagoniste di Art of Burning Man, nuovo libro pubblicato da Taschen che riassume sedici anni (e oltre 65.000 scatti realizzati) passati dall’artista a Black Rock City, la città temporanea, e che mostra le meraviglie e i cambiamenti degli ultimi sedici anni di quella che Guy chiama la “più grande galleria d’arte a cielo aperto del mondo”.

nk_guy_art_of_burning_man_fo_gb_as001_05786_1507131823_id_981535

nk_guy_art_of_burning_man_fo_int_open_0002_0003_05786_1506241207_id_976626

thumb2

nk_guy_art_of_burning_man_fo_int_open_0018_0019_05786_1506241207_id_977067

thumb3

thumb6

nk_guy_art_of_burning_man_fo_int_open_0074_0075_05786_1506241208_id_976554

nk_guy_art_of_burning_man_fo_int_open_0104_0105_05786_1506241208_id_975798

nk_guy_art_of_burning_man_fo_int_open_0124_0125_05786_1506241208_id_976644

thumb5

thumb7

thumb9

thumb8

nk_guy_art_of_burning_man_fo_int_open_0262_0263_05786_1506241209_id_977004

9783836550079_webb-800x800

[/https://www.youtube.com/watch?v=0j9KVH7tP3E

Altre storie
La mia bandiera: un progetto nato dalla collaborazione tra gli studenti di illustrazione del Bauer e le studentesse di sartoria di Afol Moda di Milano