Partecipa al #BOOKTOBER, un'iniziativa di Frizzifrizzi da un'idea di Davide Calì

WooBi, una nuova bici ecologica e made in Italy col telaio interamente in legno

woobi_1

Presentate ufficialmente a Milano durante la design week le WooBi sono biciclette completamente in legno, compresa la forcella — «e di bici con la forcella di legno», mi spiega Matteo Zugnoni, il designer che le ha progettate, «ce ne sono poche».

Matteo ha lavorato per anni nel settore nautico e più precisamente nell’arredamento delle navi, e dunque il legno lo conosce bene. A questo aggiungici una passione per la bicicletta che si porta dietro fin da ragazzino, quando faceva ciclismo a livello agonistico, ed è facile immaginare come sia arrivato a concepire WooBi, a cui ha lavorato come progetti di tesi per la sua laurea in design e discipline della moda.

Che c’entra la moda con la bici? C’entra eccome. E non solo perché — e l’ambiente ringrazia — negli ultimi anni pedalare per la città invece di innervosirsi in mezzo al traffico dentro a una scatoletta di plastica e metallo è stato “venduta” dai media come un’attività “di tendenza” (ché le tendenze muoiono velocemente come arrivano). Ma anche perché, esattamente come nell’abbigliamento e negli accessori, si parla sempre di più di “su misura”, di “personalizzabile”, di “sartoriale”.

woobi_2

E la WooBi personalizzabile lo è, a partire dalla scelta del legno fino ai colori di ruote, sella e manopole (quest’ultime della Brooks).
Il legno, tra l’altro — che sia acero o tek, palissandro o zebrano, tutti trattati con olî vegetali — essendo vivo, cambia. Basta lasciare la bici al sola, guidarla in mezzo alla pioggia, semplicemente viverla e usarla.

«Non è solo ecologica perché è di legno, perché la usi invece di prendere l’auto o i mezzi pubblici», dice Matteo, «ma anche per quanto riguarda la trasmissione, che non è a catena e quindi non necessita di olî e grassi. Ha invece una cinghia dentata con l’anima in carbonio che quindi non ha bisogno di lubrificazione né di manutenzione». E non sporca i pantaloni, aggiungo io.

Per ora c’è un solo modello ma l’idea è di produrne anche altri. Sempre con la forcella in legno che, essendo un punto molto delicato in una bicicletta, ha i suoi detrattori.
«Ma se si adottano le precauzioni e le tecnologie giuste», mi assicura Matteo, «e se si studiano bene i pesi non ci sono problemi».

woobi_3

woobi_4

woobi_5

WooBi_2

WooBi_4

WooBi_13

WooBi_9

woobi_6

durante la settimana del design di Milano le WooBi sono state esposte insieme alla gamma di legni disponibili (vedi a sinistra, nella foto)
durante la settimana del design di Milano le WooBi sono state esposte insieme alla gamma di legni disponibili (vedi a sinistra, nella foto)
co-fondatore e direttore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Handmade in Japan: un libro dedicato all’artigianato giapponese