Partecipa al Booktober. Dal 1º al 31 ottobre.

John Alcorn, “quello” che rivoluzionò l’editoria italiana

Il paradosso, per chi lavora dietro le quinte, è che il grande pubblico, quello dei non-addetti ai lavori, probabilmente sarà circondato, senza saperlo, da cose che portano la sua firma. Quando esce fuori il nome — buio totale. Quando però qualcuno lancia quel lazo invisibile per linkare il nome alla cosa, all’oggetto, allora arriva l’epifania: i neuroni iniziano a correre da tutte le parti intrecciando fili, innescando scintille di elettrici pensieri che andranno a stringere nella rete decenni di stimoli visivi, di immagini fino a quel momento slegate, a bagno nel brodo dei ricordi.

(il nome, dunque) John Alcorn!
(e l’epifania) il riccioluto logo della BUR, gli istrici — pronti a pungere chi li stuzzica — della Salani, compagni di tante serate a lume di abat-jour a immaginar, con qualche brivido lungo la schiena, dentro a un pigiama celeste e sotto a una coperta a scacchi, di streghe con le scarpe a punta, di giardini di mezzanotte, di fantasmi e uccelli notturni. E le copertine, poi, prese a una a una dalla libreria del babbo, immaginando mondi anche senza legger nient’altro che i titoli (e giù a provare a imitare quelle R arzigogolate, quelle N taglienti, quelle B gommose sui fogli di carta intestata della fabbrica del nonno). E le copertine, dicevo. Quel diluvio psichedelico, quelle illustrazioni, le cornici colorate della Longanesi che zitte zitte hanno insegnato ad abbinare i colori a un paio di generazioni di lettori.

_MG_7889

Uscito dai leggendari Push Pin Studios di Milton Glaser (e Chwast e Ruffins e Sorel), John Alcorn arrivò in Italia nei primi anni ’70 e rivoluzionò per sempre il mondo dell’editoria, portandoci la grafica dei figli dei fiori (i fiori poi ricorreranno regolarmente nell’opera dell’artista, tra l’altro appassionato di giardinaggio), un’attenzione maniacale e un coraggio forse senza precedenti — almeno nel panorama nostrano — nell’uso della tipografia, cambiando veste a case editrici come appunto Rizzoli, Longanesi, Salani, Guanda, Tea, Frassinelli… e influenzando il lavoro degli art director, dei grafici editoriali e dei pubblicitari che sarebbero arrivati in seguito.

Alcorn, morto nel ’92 a soli 56 anni, ha lasciato una gran quantità di lavori, recentemente raccolti dall’Archivio Apice dell’Università Statale di Milano, ma fino ad oggi — a parte la lodevole ripubblicazione di Libri! (finora inedito in Italia) da parte di Topipittori, in collaborazione con Marta Sironi, curatrice del Fondo Alcorn — non era ancora uscita una monografia dedicata al designer ed illustratore newyorkese.

_MG_7894

A rimediare, però, ci ha pensato Moleskine, che proprio in questi giorni ha dato alle stampe John Alcorn — Evolution by Design, che va a inserirsi in una serie di pubblicazioni dedicate al processo creativo e al “dietro le quinte” di artisti e designer inaugurata nel 2009 dal marchio delle celebri “agendine”.

Il libro, a cura di Marta Sironi e Stephen Alcorn, figlio di John, raccoglie oltre 500 opere, compresi bozzetti, progetti scartati o mai realizzati, foto di famiglia o di Alcorn al lavoro nel suo studio, per una biografia illustrata che racconta l’uomo, il padre e soprattutto l’artista in tutta la sua breve ma intensissima carriera, capace di lasciare il segno nell’immaginario collettivo, anche in chi il suo nome non l’ha mai sentito nominare prima.

_MG_7897

Il volume, che puoi già trovare anche in libreria, verrà presentato ufficialmente il prossimo 13 novembre a Milano, durante Bookcity, con un evento che vedrà come protagonista Guido Scarabottolo, grande illustratore e direttore editoriale di Guanda, che dialogherà con le opere di Alcorn improvvisando nel suo personalissimo stile, realizzando dal vivo una copertina e spiegando il processo creativo che c’è dietro alla grafica contemporanea, sperimentando tra l’altro le nuove Moleskine Livescribe, capaci di convertire ciò che viene tracciato sulla cara, vecchia carta in formato digitale.

_MG_7904

_MG_7911

_MG_7912

_MG_7934

la grafica del libro è a cura di Marina Del Cinque che ha avuto il non semplice compito di progettare una copertina che riassumesse l'immensa opera di Alcorn. L'ispirazione è arrivata da una sua pubblicità della Pepsi. Dice la Del Cinque: «“Sono sempre stata affascinata dai moduli che creano una ripetizione visiva: in questo caso il modulo geometrico, una sorta di gioco del domino, dove però i disegni che lo compongono sono tutti diversi (un treno, un sole, una mongolfiera...). Diversi come sono stati, negli anni, gli stili di Alcorn: per questo ho pensato potesse essere una giusta metafora visiva per la vestizione della sua monografia. Rispetto ai colori originali del manifesto (fondo giallo, disegni in rosso) si è optato per il bianco e nero, colorando emblematicamente, e con un pizzico di romanticismo, il solo disegno del cuore. L’effetto domino è stato invece enfatizzato mediante la punzonatura, in modo da creare il rilievo tra un mattoncino e l'altro. Infine si è aggiunta l'agile firma di Alcorn che, simulando una dedica dell’autore, impreziosisce il libro»
la grafica del libro è a cura di Marina Del Cinque che ha avuto il non semplice compito di progettare una copertina che riassumesse l’immensa opera di Alcorn. L’ispirazione è arrivata da una sua pubblicità della Pepsi.
Dice la Del Cinque: «“Sono sempre stata affascinata dai moduli che creano una ripetizione visiva: in questo caso il modulo geometrico, una sorta di gioco del domino, dove però i disegni che lo compongono sono tutti diversi (un treno, un sole, una mongolfiera…). Diversi come sono stati, negli anni, gli stili di Alcorn: per questo ho pensato potesse essere una giusta metafora visiva per la vestizione della sua monografia. Rispetto ai colori originali del manifesto (fondo giallo, disegni in rosso) si è optato per il bianco e nero, colorando emblematicamente, e con un pizzico di romanticismo, il solo disegno del cuore. L’effetto domino è stato invece enfatizzato mediante la punzonatura, in modo da creare il rilievo tra un mattoncino e l’altro. Infine si è aggiunta l’agile firma di Alcorn che, simulando una dedica dell’autore, impreziosisce il libro»

John Alcorn_Moleskine_cover

John_Alcorn_Moleskine (2)

John_Alcorn_Moleskine (3)

John_Alcorn_Moleskine (4)

John_Alcorn_Moleskine (5)

John_Alcorn_Moleskine (6)

John_Alcorn_Moleskine (7)

John_Alcorn_Moleskine (8)

John_Alcorn_Moleskine (9)

John_Alcorn_Moleskine (10)

Alan Aldridge’s The Beatles Illustrated Lyrics-Eight Days a Week

_MG_7921b

Kissinger-Rizzoli

_MG_7924b

La collina dei conigli

_MG_7926b

Preparatory drawing Anton Chekhov-Anima Cara

Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.