Partecipa al Booktober. Dal 1º al 31 ottobre.

#diecifoto | Sara Mautone

#diecifoto è una nuova rubrica in cui ospitiamo artisti, designer, autori, musicisti, giornalisti—in pratica personaggi che riteniamo interessanti—e sbirciamo dentro ai loro telefoni chiedendo di raccontarci (e al contempo raccontarsi attraverso di esse) le 10 dieci foto più significative tra quelle che tengono al sicuro lì dentro.

Sara Mautone
Fotografa, classe 1991, nata sotto il segno della Bilancia, vive a Firenze. Ha iniziato a scattare da giovanissima e a soli 22 anni ha già lavorato per riviste, negozi e marchi di moda.
Quando le abbiamo chiesto le sue #diecifoto Sara ha tenuto a sottolineare che: «non ho un cellulare figo da molto, né animali domestici carini da farvi vedere, a parte la tartaruga Pupona che però è ancora in letargo. Beata lei».

saramautone.com

IMG_2720

Firenze, la città dove vivo.
E una delle primissime giornate di primavera.

IMG_2028

Milano, dove vado sempre più spesso per lavoro e dove vorrei trasferirmi un giorno.
Quando scendo dal treno mi sento subito a casa.

IMG_2039

Torino.
Prima di iniziare a scattare il lookbook di Agata Della Torre.

IMG_3339

Bologna, al concerto dei Toy.
La musica è la mia seconda, o forse prima, grande passione.

IMG_2820

Backstage di uno dei miei ultimi lavori, che uscirà tra pochissimo su Drew Magazine.
Adoro scattare in mezzo alla natura.

IMG_0554

L‘editoriale che ho scattato questa estate per Cosmopolitan a Venezia.
Caldo infernale e grande soddisfazione.

IMG_2641

La vestizione della sposa di Max Ernst al Guggenheim di Venezia.
Ipnotico.

IMG_0633

Per tornare a cose serie e più personali, eccomi vestita da Babbo Natale, a Febbraio, che gioco alle slot machines nel bar più brutto di Firenze, che poi è il mio preferito.
Via De’ Macci 58r, provare per credere.

IMG_1049

Per tornare a cose più fashion, gli inviti per l’ultima festa di Luisa Via Roma con la foto scattata da me.

IMG_0458

Infine il primo selfie da bionda, dopo 6 ore di decolorazioni.
Perché bionde non si nasce, ma si diventa.

co-fondatore e direttore
Mostra Commenti (0)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.