The Pattern Library

Tralasciando chi decide di mettere come immagine di sfondo, sullo schermo del proprio pc, le foto del matrimonio con tanto di canonico effetto flou, i faccioni della prole, il tramonto da cartolina catturato durante l’ultima vacanza nel Mar Rosso, una delle tante variazioni sul tema “keep calm and carry on”, slogan motivazionali rubati ai libri di Paulo Coelho, la vignetta sagace di qualche fumettista fallito della domenica.

Tralasciando questi, e togliendoci quindi di mezzo un buon 51,8%, per il resto di noi zombie colpiti da scrivanîte cronica quella dello sfondo perfetto è una ricerca lunga e piena di insidie, con variabili fondamentali che non si possono non tenere in considerazione. Una su tutte: la densità di cartelle e file sparsi per lo schermo (se li metti su uno sfondo troppo chiaro e ricco di dettagli ottieni semplicemente un marasma cromatico indistinguibile e vagamente nauseabondo, altamente sconsigliato durante virus intestinali e mattinate post-sbornia).

theamazingpatternlibrary

E se dopo aver provato l’immenso archivio di Kuvva non ci riteniamo ancora soddisfatti possiamo comunque continuare a cercare e cercare e magari trovare il proprio sfondo ideale su un sito come The Pattern Library, progetto collaborativo lanciato da poco da un graphic designer, Claudio Guglieri, e uno sviluppatore, Tim Holman.

Il progetto è appena agli inizi ma si propone di diventare una sorta di libreria gratuita di pattern (che quindi vanno bene sì come sfondi per lo schermo ma anche per mille altri usi), creati e messi liberamente a disposizione del pubblico da creativi di tutto il mondo.

Altre storie
#HashedTime: un’installazione racconta il nostro schizofrenico mondo attraverso hashtag e foto più popolari