Burn Bowl: fornello portatile in legno e pietra. Designer: Anna Hildur Gudmundsdottir.

Rendez-Wood

Tutti conoscono l’Islanda per i suoi musicisti, per i cognomi che finiscono in -dóttir (per lei) e -sson (per lui), oltre ovviamente al peculiare ed estremo paesaggio naturale fatto di vulcani attivi, geyser, cascate, ghiacciai. Nessuno però conosce l’Islanda per le foreste e questo perché in effetti di alberi, sull’isola, ce ne sono pochi. O meglio ce n’erano pochi, abbattuti dai vichinghi quando si sono insediati lì più di 1100 anni fa per fare spazio ai pascoli e vivere di allevamento.

Dopo aver importato legname per secoli oggi gli islandesi sono il popolo che pianta più alberi pro-capite al mondo e a quanto pare tra qualche decennio la produzione di legname supererà addirittura il fabbisogno degli abitanti, che nel frattempo iniziano a chiedersi come utilizzare il legno. Tanto che un gruppo di studenti dell’Iceland Academy of the Arts, nell’ambito di un workshop organizzato in collaborazione con il corpo forestale, ha realizzato artigianalmente una collezione di oggetti ispirati al paesaggio islandese. Usando ovviamente il legno locale.

La collezione, chiamata Rendez-Wood?, tiene conto delle condizioni ambientali dell’isola e si propone di accompagnare chi la usa in un percorso alla riscoperta del “viver con lentezza”, grazie a una sorta di forno per cuocere il pane che funziona con le forze della natura (ghiaccio e vapore), una luce d’emergenza che si ricarica col vento, dei contenitori per creare infusi “on the road”, dei bastoni da passeggio, dei cestini per raccogliere le alghe, un fornello portatile in legno e pietra nonché un semplicissimo passatempo (il classico labirinto da superare con le palline di metallo, del tipo di quelli che trovi sul tappo dei barattoli di bolle di sapone) che però può essere indossato come un gioiello.

Gone Baking, un sistema per cuocere il pane che sfrutta il ghiaccio e le sorgenti naturali di vapore. Designer: Björk Gunnbjörnsdóttir.
Gone Baking, un sistema per cuocere il pane che sfrutta il ghiaccio e le sorgenti naturali di vapore.
Designer: Björk Gunnbjörnsdóttir.

rendez_wood_1

Spil, un gioco da indossare come un accessorio. Designer: Ágústa Sveinsdóttir.
Spil, un gioco da indossare come un accessorio.
Designer: Ágústa Sveinsdóttir.

Seaweed collector: cestino per la raccolta di alghe. Designer: Sigurjón Axelsson.
Seaweed collector: cestino per la raccolta di alghe.
Designer: Sigurjón Axelsson.

Stick around: bastoni da passeggio ed escursione. Designer: Thelma Hrund Benediktsdóttir-
Stick around: bastoni da passeggio ed escursione.
Designer: Thelma Hrund Benediktsdóttir-

Very light: luce d'emergenza che si carica con il vento. Designer: Búi Bjarmar Aðalsteinsson.
Very light: luce d’emergenza che si carica con il vento.
Designer: Búi Bjarmar Aðalsteinsson.

Burn Bowl: fornello portatile in legno e pietra. Designer: Anna Hildur Gudmundsdottir.
Burn Bowl: fornello portatile in legno e pietra.
Designer: Anna Hildur Gudmundsdottir.

Infuse: contenitore che permette di creare infusi utilizzando foglie, rametti, bacche, neve o acqua di sorgente. Designer: Katrín Magnúsdóttir.
Infuse: contenitore che permette di creare infusi utilizzando foglie, rametti, bacche, neve o acqua di sorgente.
Designer: Katrín Magnúsdóttir.

rendez_wood_7

co-fondatore e direttore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
TorinoDesign.info: una directory delle professioniste e dei professionisti della progettazione che lavorano a Torino