Partecipa al #BOOKTOBER, un'iniziativa di Frizzifrizzi da un'idea di Davide Calì

Tradizione e Trasgressione│Club to Catwalk

Nell’atmosfera ribelle degli anni Ottanta a Londra la predominante è la simbiosi creativa tra moda, musica e design. Mentre l’industria della moda si incrementa in modo professionale con l’organizzazione delle sfilate durante la settimana della moda, la città conserva una reputazione anarchica per la scena underground.

In quegli anni gli stili sono distinti per categorie, separati tra loro, perché gli abiti sono etichette che dicono da dove si proviene, l’appartenenza ad un gruppo e ad una conseguente ideologia attinente allo stile di vita espresso attraverso il vestiario.
I club diventano luoghi in cui sfoggiare outfit stravaganti, che sembrano costruzioni teatrali progettate  sul corpo con l’intento di stupire e il gusto di travestirsi, perchè nel vestire è il desiderio di cambiamento e di rivalsa verso la società.

La fusione tra la moda e la scena musicale nei club di Londra negli anni Ottanta viene celebrata nell’esibizione Club to Catwalk: London Fashion in the 1980s al Victoria & Albert Museum di Londra (Luglio 10, 2013 – Febbraio 16, 2014).
In  mostra i video delle sfilate dell’epoca, i pezzi delle collezioni di Vivienne Westwood, Katharine Hamnett, Betty Jackson, Wendy Dagworthy, John Galliano e gli outfit indicativi degli streetstyle predominanti, etichettati e suddivisi nei gruppi Fetish, Goth, Rave, High Camp e New Romantics.

Nei video e nei capi d’abbigliamento, look dalle taglie che alterano le forme del corpo, stampe colorate e fantasie. Trapelano i concetti di eccentricità, tradizione e trasgressione, e si cattura l’atmosfera vivace e creativa dell’epoca, della novità e della sperimentazione espressa in svariati settori, per quanto i confini settoriali vanno sfumando e i limiti e le distinzioni troppo nette  sembrano non funzionare. Negozi indipendenti si fanno nighclub, club trasformati in catwal, e style magazine (i-D, The Face, Blitz tra i più noti), che si occupano di moda e di cultura, mediano il mix culturale.

Nella selezione degli abiti, creati dai designer che sono stati parte del panorama underground, l’esibizione ripercorre la relazione creativa tra la moda e la scena musicale nei club di Londra degli anni Ottanta, riportando in voga gli stili del vestiario che coincidono con gli sviluppi del paesaggio musicale e della vita notturna londinese dell’epoca, dalle influenze del glam rock al fenomeno degli acid house party e la conseguente esplosione della cultura rave.

Club to Catwalk: London Fashion in the 1980s (Luglio 10, 2013 – Febbraio 16, 2014) Victoria & Albert Museum, London, UK
CREDIT: Victoria and Albert Museum, London

Altre storie
B-Switch: una collezione di streetwear ispirata alla Bolognina e realizzata da 35 studenti delle superiori