fbpx
shelter 1

Videogames | Shelter

Shelter: rifugio. Quello che ogni madre vorrebbe dare ai propri figli. Anche se in questo caso sarebbe meglio dire cuccioli visto che la protagonista di questo videogioco è si una mamma ma una mamma tasso (una tassa, insomma).
Scopo del gioco è essere appunto una madre-rifugio (tassa rifugio? Idea per il tentennante governo delle larghe intese: la tassa rifugio, perché l’Europa ce lo chiede) e proteggere i piccoli tass…elli(?) dai pericoli della vita selvaggia, tenendoli alla larga dai rapaci che provano a portarseli via, aiutandoli ad affrontare le rapide di un fiume, ad uscire vivi da un terribile incendio che minaccia la foresta e soprattutto cercando di non farli morire di fame

Giochi di parole sui tassi a parte, Shelter è un videogame terribilmente serio; a tratti commovente: così racconta chi ha già avuto modo di provarlo. E questo nonostante una grafica spartana che incredibilmente riesce a farti emozionare con un mucchio di poligoni che non vogliono altro dalla vita (che è interamente nelle tue mani, che per l’occasione diventano le zampine di mamma tasso) che arrivare a fine giornata sani e salvi.

Sviluppato dalla casa di produzione svedese Might and Delight, Shelter è un viaggio alla scoperta dell’istinto materno—una bellissima recensione del blog specializzato Rock, Paper, Shotgun parla ossessivamente di come, giocando, ci si ritrovi in continuazione a contare i cuccioli per vedere se ci sono ancora tutti—e il fatto che un viaggio del genere te lo faccia fare un mustelide fatto di pixel che corre attraverso una foresta dai colori acidi con tanto di (bella) colonna sonora è quanto di più pop e paradossale ci sia.

Disponibile per mac e pc, Shelter gira su piattaforma Steam e si può già acquistare per pochi dollari sul sito.

shelter 1

shelter 2

shelter 3

shelter 4

shelter 5

shelter 6

co-fondatore e direttore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
color controversy 1
Quali sono i colori più “controversi”?