Bad Seeds | Dai semi cattivi crescono le mele marce #3

La Confraternita degli Scrittori Malvagi
La C.S.M. è un collettivo anonimo di scrittori americani messi insieme per questa raccolta di racconti ispirati a illustrazioni. A ciascuno abbiamo dato alcune illustrazioni con un’unica indicazione: le storie dovevano contenere la parola “seme” o “semi”.

(english version on page 2)

* * *

Copyright di Isa Bancewicz

RAGNATELA
Scritto da Magma illustrato da Isa Bancevicz

La ragazza-ragno non era brutta ma nemmeno particolarmente bella. Solo gli occhi aveva belli, due bottoni neri in mezzo a un viso insipido.
Non era stupida, ma non si poteva dire intelligente. Non sapeva fare nulla. L’unica abilità che aveva era tessere la sua tela.
Con essa imprigionava gli uomini e li divorava. Certe volte soffocavano e morivano prima che li mangiasse, allora se ne liberava. Non le piaceva mangiare qualcosa di già morto. Preferiva quando le sue vittime si muovevano ancora.
Non per questo si deve pensare che fosse crudele. Seguiva il suo istinto naturale.
Abitava fuori dal paese ma ciò non le impediva di trovare prede di cui nutrirsi.
Furono le donne a prendere l’iniziativa. Decisero che l’avrebbero uccisa. Nessuna però voleva sporcarsi le mani di sangue. E agli uomini non potevano dirlo perché lei lo avrebbe saputo subito. Presero allora scemo del villaggio, lo istruirono e lo spedirono a casa della donna-ragno. Lei non sospettò nulla. Fino al momento di baciarlo. Fu allora che lo scemo, che fino a quel momento non aveva parlato, le soffiò in gola i semi velenosi.
La donna-ragno morì tra le convulsioni. Una settimana dopo, anche lo scemo morì.
Dopo qualche tempo un altro scemo andò a vivere nel paese.
Ma nessuna donna-ragno vi si stabilì più.

* * *

Copyright di Valentina Sani

SIETE TUTTE UGUALI
Scritto da Ultraviolet illustrato da Valentina Sani

Tutte voi pensate di essere speciali, disse la cartomante alla ragazza.
Venite qui e pensate di conoscere in anticipo il vostro futuro, quale fortuna vi attende dietro l’angolo, quale amore vi porterà via.
Ma vuoi sapere la verità? Siete tutte uguali.
E le mostrò le foto. Erano ragazze identiche a lei, che erano passate prima a farsi predire il futuro. Avevano i suoi stessi occhi, i suoi stessi capelli, il medesimo sguardo di sfida di chi pensa di essere l’unica al mondo e di valere molto per questo.
Ecco il tuo futuro, disse poi la cartomante.
Quando la ragazza uscì dalla tenda fuori si era fatto scuro. L’aria di maggio era piena di semi e guardandosi in una vetrina si rese conto che l’unica cosa che aveva, e che pensava di essere l’unica a possedere, iniziava a sfiorire.

* * *

Copyright di Claudia Palmarucci

LA COLLEZIONE
Scritto da Babyshamble illustrato da Claudia Palmarucci

Conoscevo questo tale, un vecchio, che collezionava semi. Era un vecchio maestro di piano, o almeno credo. In casa sua comunque c’era un piano e lui aveva propri aria del vecchio maestro. In realtà in casa sua tutto era vecchio.
Insomma dicevo che aveva questa collezione di semi. Io andavo a casa sua una volta la settimana a fare le pulizie e lui ogni volta mi faceva vedere questa sua collezione.
Li teneva in una scatola di legno, con tanti cassetti. Per ognuno mi raccontava non so che storia. Sembrava che vivesse per quei semi.
La mattina che morì ero andata per pulire ma mi rimandarono a casa. Qualche giorno dopo passai di là e vidi che il figlio stavano sbarazzandosi dei vecchi mobili. Certa roba la stava caricando su un camion ma vidi che tanta la lasciava nella spazzatura. E’ lì che trovai anche la sua collezione di semi. Tornando a casa quella sera non riuscii ad impedirmi di pensare che certe volte crediamo di allevare dei figli e invece alleviamo degli sconosciuti.

* * *

La prossima settimana pubblicheremo altri tre racconti.
Progetto a cura di Davide CalìDebbie Bibo. Qui la pagina Facebook di Bad Seeds.

1 2 Successivo

editorialista

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altre storie
Il design d’emergenza durante l’emergenza