Roy Roger’s Surf Heritage Collection

«Era il loro momento, erano veramente sulla cresta dell’onda, erano i re di un regno particolare»
da Un mercoledì da leoni di John Milius

Non le tavole corte e le evoluzioni degli anni ’80, né i palestrati e le atmosfere artificiali à la Baywatch o le gang da spiaggia di Point Break. Se come sport professionistico il surf è esploso solo negli anni ’90, l’Età dell’Oro, quella del surf come cultura e non come disciplina da gara, è indiscutibilmente la stessa in cui Duane Eddy e Dick Dale “inventarono” la musica surf, tutta chitarre e riverberi: quella a cavallo tra gli anni ’50 e gli anni ’60.

L’epoca immortalata da film (apparentemente) ingenui come Gidget—probabilmente il primo ad introdurre al pubblico mainstream l’estetica surf—ed un capolavoro assoluto, ma riconosciuto solo molti anni dopo come tale, come Un mercoledì da leoni di John Milius, già sceneggiatore di altre due pietre miliari del cinema come Lo squalo (non accreditato) e soprattutto Apocalypse Now. Un film, quello di Milius, di cui si è detto di tutto (compreso “fascista” e “cripto-gay”) ma che come nessun altro è riuscito a ritrarre una sottocultura, una generazione, attraverso una storia semplice solo in superficie—i tre amici, seguiti dalla macchina da presa durante poco più di dieci anni, dalla spensieratezza al Vietnam, dal ’68 all’età adulta e alla vita che corre via e non si fa raggiungere nemmeno se la insegui sopra ad una tavola—ma in realtà quasi mistica (il surf come esperienza zen) e dalla struttura circolare, con le stagioni della vita che passano al ritmo delle grandi mareggiate che scandiscono il film.

Ed è a quella stessa epoca che si ispira parte della collezione estiva di Roy Roger’s, italianissimo marchio dalla lunga storia che negli ultimi tempi sta conoscendo un grandissimo rilancio, sia a livello di immagine che di prodotto.
Tra bermuda floreali o rigati, camicie hawaiane con stampe d’epoca e t-shirts dalle grafiche nostalgiche, la macchina del tempo della Roy Roger’s Surf Heritage Collection—disponibile nei negozi, in attesa dell’apertura, a settembre, del nuovo store online Sevenbell—si è fermata sulle spiagge californiane ed hawaiane degli anni ’50, fin dal cartellino che trovi sui capi, riproduzione di una cartolina originale dell’epoca, spedita da Waikiki Beach.

co-fondatore e direttore
Mostra Commenti (0)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.