Passare ore davanti a cose belle e gratis? La nostra rubrica Tesori d'archivio è la soluzione.

7am | Nicola Alessandrini

7 opere e 7 domande, alle 7 di mattina, ad illustratori che si svegliano presto o non sono ancora andati a dormire.
Oggi è la volta di Nicola Alessandrini.

Ciao Nicola, di dove sei, quanti anni hai e da quanto fai l’illustratore?
Ciao, sono nato e vivo a Macerata, ho 34 anni, 35 il prossimo 31 dicembre e ancora devo iniziare a fare l’illustratore, pur disegnando-dipingendo-pensando per immagini sin da quando ho memoria! Illustratore lo diventerò appena riuscirò a camparci!

Matita o penna grafica?
Matite, chine, collage, frottage, olio, pennelli, pastelli, smalti, acrilici, adigraf, stampini, macchie di sugo ed impronte di dita.
Ma alla fine anche un po’ di illustrator o photoshop quando il lavoro lo richiede.
La cosa principale del digitale che mi piacerebbe poter applicare anche al manuale è alla fin fine il mela-z per tornare indietro negli errori! In effetti non solo per quelli che concernono il disegno…

Cosa fai quando non disegni?
Faccio finta di lavorare per arrivare a fine mese, uccido i mostri assieme a mio figlio, mi arrabbio col mondo, bevo la birra se è estate o il vino se è inverno, cammino, dico le parolacce per giustificare le mie mancanze, guardo il disordine della casa sperando che per compassione nei miei confronti se ne vada, penso, penso, penso (come Winny Pooh).

Cosa c’è sulla tua scrivania?
Domanda difficile e risposta compromettente…
La maggior parte dei miei disegni, per lo meno quelli di piccolo formato, li faccio di nascosto nell’ufficio dove lavoro, per cui l’elemento essenziale che deve sempre stare sopra la mia scrivania, oltre alle matite, ai fogli, alle stampe, alle cuffie, etc, etc… è un grande foglio bianco fra me e la tastiera a coprire all’occorrenza le mie ree creazioni.

Un disegno pesa quanto…
Dipende, poco se fatto su un foglio di carta, tanto se fatto su una lastra di cemento.
Poco se parla di un momento, tanto se c’è dentro una vita.

Un libro di cui vorresti illustrare la copertina e un film di cui vorresti fare il poster.
Libro: Dance Dance Dance di Murakami Haruki.
Film: Brazil di Terry Gilliam

Un illustratore o un’illustratrice che mi consiglieresti?
Fortunatamente m’innamoro ancora di tutto, per cui rispondere a questa domanda è alquanto ostico…
I miei ultimi amori sono: Lisa Gelli (la conoscete già!!!!), Hernan Chavar, Daniela Tieni, James Kalinda, Claudia Palmarucci, Francesca Capellini, Irene Rinaldi, Thomas Raimondi.

Altre storie
Japanese Woodblock Prints: la xilografia giapponese in un grande volume prodotto da Taschen