Ruffeo Hearts Lil Snotty | SS2012

Mentre mi trovo a guardare la collezione primavera/estate 2012 di Ruffeo Hearts Lil Snotty mi accorgo che:
1) del marchio ho già parlato;
2) se non fosse stato per mia figlia, che due giorni fa ha concepito una torta semplice ma allucinante che la mamma è immediatamente corsa a preparare, riempiendo uno stampo in silicone a forma di orsetto con un dolcissimo impasto preparato in due versioni-colore, azzurro e fucsia, trasformatosi in forno in un’inquietante mutazione dagli occhi di zombie alla quale la piccola Sveva ha deciso di staccare la testa (per la gioia di mamma e papà…), se non fosse stato per lei probabilmente non mi sarei messo a scrivere questo post, troppo preso a (cercare di) crescere, a trovare i perché pure dove non ce ne sono, ad informarmi sempre e comunque su qualsiasi cosa mi capiti a tiro, nel lavoro e nella vita, dimenticando che la meraviglia può arrivare pure da capi extra-large sui quali non c’è poi molto da dire, fatti da blocchi di colore, realizzati utilizzando, in pieno spirito DIY che fa molto Brooklyn (e proprio lì in effetti lavorano R. Mackswell Sherman e Sarah Jones, i due designers, originari però di Olympia, WA, altra capitale dell’etica e dell’estetica post-punk, nei ’90s delle rrriot girls), tessuti recuperati, marchio che dal 2007 fa più o meno le stesse cose ma le fa bene. E puoi andare sul loro shop a comprarti un pezzo di ultra-pop da indossare, preferibilmente dopo aver preparato un dolce-zombie da decapitare.

co-fondatore e direttore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Laju Slow Apparel: un nuovo marchio che è un inno alla lentezza