Più lo-fi di così si muore, visto l’evidente debito estetico e funzionale nei confronti dei cornetti acustici che in altri tempi servivano a rendere più ridicoli ma meno noiosi vecchi zii e bis-/tris- nonni alle prese con l’operetta o le urla dei nipotini.
Megaphone, progetto dello studio milanese en&is (ovvero Enrico Bosa & Isabella Lovero), utilizza un amplificatore passivo in ceramica, realizzato artigianalmente in Italia, poggiato su un treppiedi in legno che riduce al minimo le vibrazioni ed amplifica ogni suono prodotto dal tuo iPhone, dalla musica ai programmi radio e di tanto in tanto anche la voce di tua madre che minaccia di tagliarti i fondi se non ti tagli i capelli o di un cliente particolarmente stupido che ti chiede come si scaricano gli allegati della mail.

Presentato durante l’ultimo Fuorisalone in versione bianca, esce ora anche in nero e oro, giusto in tempo per ascoltare due cento e più versioni di Jingle Bells (con relativa nausea) senza prese elettriche o fili tra i piedi.

co-fondatore e direttore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Tesori d’archivio: il Pandemic Graphics Archive raccoglie immagini della segnaletica pandemica