La bachelite sa di nonna. Di interruttori, vecchi telefoni, tondeggianti lampade da tavolo, ventilatori a raffreddare caldi pomeriggi d’estate a sferruzzar sciarpe per l’inverno.

E la bachelite (pezzi originali, anni ’50) è anche il materiale d’elezione di Clementina Coscera, art director e jewelry designer che appena qualche mese fa ha lanciato Les Clèms, linea di coloratissimi quanto essenziali gioielli, tutti pezzi unici dai nomi bizzarri ed azzeccatissimi – doccia estiva, altalena di rgb, amami d’estate, cyano disuguale, colonnello (questa è facile, ed è una delle collane qua sopra, lascio a te indovinare quale), signor pavone… – ispirati alle opere di Alexander Calder, ovvero colui che “appendeva” le forme, con il risultato che otterresti dando in mano ad un bambino un pennarello magico che fa materializzare in 3d le sue fantasie.

Altre storie
Tesori d’archivio: le illustrazioni di moda di fine ‘800 / inizio ‘900