Sarà che in questi giorni sono a Senigallia, dove per il Summer Jamboree gli anni ’50 li trovi (dettagliati come un documentario, o cheap come le t-shirts d’imitazione di un mercatino) dietro l’angolo, ma la mail di Ruphus, giovane brands fondato da una neo-mamma romana ma di base a Torino, è arrivata al momento giusto.

Da questi parti borse, pettini, cerchietti e bijoux – tutti pezzi unici realizzati con scarti di magazzino e pezzi vintage abbinati a tessuti di qualità – si sarebbero fatti largo tra camice hawaiane, occhiali alla Buddy Holly e pettinature alla Betty Page.

I prodotti Ruphus li trovate online da Not Just A Label oppure potete scrivere una mail a [email protected].

Altre storie
LenzuoLino: la riscoperta di un “nuovo” antico lino passa per un corredino da culla