Litill

Ti svegli la mattina con in testa una confusione totale di pensieri (s)composti da frammenti di sogni, scadenze troppo a lungo procrastinate, telecomandi che non si trovano, cellulare che suona, heavy-metal sparato a palla dai vicini, caldo asfissiante, giocattoli di tua figlia sparsi sul pavimento, piatti da lavare e liste della spesa che ti aspettano.

Soluzione: apri le finestre, fai un bel respiro e guarda intensamente il tuo terrarium Litill. Porta più saggezza di un aforisma zen e più calma di interiore di un valium.
Detto con parole semplici: il terrarium Litill sta all’iPad come la piantina presa dal fiorista sta ad un netbook con Windows.

[via]
co-fondatore e direttore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
I logotipi dell’industria editoriale sono i protagonisti del nuovo numero di LogoArchive